Close-up Engeneering

Allergia all’acqua o orticaria acquagenica: sintomi e trattamenti

L'allergia all'acqua o orticaria acquagenica è una condizione molto rara che provoca prurito e irritazione al contatto con l'acqua

Close-up Engineering

PUBBLICATO IL: 9 Ottobre 2023

Medicina

L’allergia all’acqua o “orticaria acquagenica” è una condizione molto rara che impedisce ad alcune persone il contatto con l’acqua. Mentre l’acqua è essenziale per la vita e una risorsa quotidiana per la maggior parte di noi, per alcune persone può rappresentare una minaccia. In questo articolo, esploreremo dettagliatamente questa condizione, analizzando le cause sottostanti, i sintomi debilitanti e le opzioni di trattamento disponibili per coloro che la vivono.

Che cos’è l’allergia all’acqua?

L’allergia all’acqua, anche nota come orticaria acquagenica, è una reazione allergica che si verifica quando la pelle entra in contatto con l’acqua, indipendentemente dalla sua temperatura. Questo può rendere il più semplice degli atti quotidiani, come fare la doccia o lavarsi le mani, un’esperienza dolorosa e debilitante. Questa reazione può variare da lieve a grave e può provocare prurito, arrossamento e gonfiore sulla zona interessata.

Differenza tra allergia all’acqua e orticaria acquagenica

L’allergia all’acqua, conosciuta anche come urticaria acquosa, è una reazione allergica generalizzata all’acqua. Questo significa che una persona allergica può avere una reazione a qualsiasi contatto con l’acqua, sia attraverso la pelle che all’interno del corpo (ad esempio, bevendo acqua). Questa condizione è estremamente rara ed è causata da una risposta anomala del sistema immunitario alle proteine ​​o alle sostanze chimiche presenti nell’acqua. La reazione può causare sintomi come prurito, eruzioni cutanee, gonfiore, e in casi gravi, difficoltà respiratorie o shock anafilattico.

L’orticaria acquagenica è una forma specifica di orticaria che si verifica solo a contatto con l’acqua. Questa condizione è ancor più rara e comporta la comparsa di prurito e rash cutaneo sulla pelle in seguito al contatto con l’acqua. Le persone con orticaria acquagenica possono sperimentare prurito e disagio dopo il contatto con l’acqua, anche se la loro reazione può variare in intensità. L’orticaria può essere causata da una varietà di fattori, tra cui reazioni allergiche a cibo, farmaci, punture di insetti o stress emotivo. Nel caso dell’orticaria acquagenica, la causa esatta non è completamente compresa, ma si crede che sia legata a una reazione chimica tra la pelle e l’acqua.

allergia all'acqua

Cause e fattori di rischio

Le cause sottostanti dell’allergia all’acqua e dell’orticaria acquagenica non sono completamente comprese dalla comunità medica, ma ci sono alcune teorie e fattori di rischio che possono essere considerati. L’allergia all’acqua può essere causata da diverse sostanze chimiche presenti nell’acqua, inclusi minerali e cloro. Questa reazione può provocare il rilascio di istamina, una sostanza chimica nel corpo associata alle reazioni allergiche. I fattori di rischio per l’allergia all’acqua possono includere la sensibilità ai minerali o ai prodotti chimici presenti nell’acqua. Le persone con pelle sensibile o condizioni dermatologiche preesistenti possono essere più suscettibili. Non esistono fattori di rischio specifici noti per l’orticaria acquagenica. Tuttavia, le persone con storie familiari di allergie o orticaria potrebbero essere più inclini a sviluppare questa condizione.

L’allergia all’acqua potrebbe essere causata da un’anomalia nel sistema immunitario, dove il corpo riconosce l’acqua come un allergene e reagisce producendo anticorpi o mediatori infiammatori. Questo scatena di conseguenza i sintomi allergici. Poiché la pelle è una barriera protettiva contro irritanti esterni, alcune persone con allergia all’acqua potrebbero avere difetti nella barriera cutanea. Questo permette alle molecole d’acqua di penetrare più facilmente nella pelle e provocare una risposta allergica. Alcune ricerche suggeriscono che l’allergia all’acqua potrebbe avere una predisposizione genetica. Se un genitore ha una storia di allergie o di pelle sensibile, il rischio di sviluppare questa condizione potrebbe essere leggermente aumentato.

Sintomi e caratteristiche principali dell’allergia all’acqua

L’allergia all’acqua provoca prurito sulla pelle ed eruzioni cutanee variabili in dimensioni e forma. Inoltre, si verifica arrossamento della pelle e gonfiore nella zona esposta a contatto con l’acqua. In alcuni casi più gravi, possono verificarsi difficoltà respiratorie, vertigini o perdita di coscienza. L’allergia all’acqua può interessare qualsiasi parte del corpo esposta all’acqua, inclusi viso, braccia, gambe e tronco. I sintomi compaiono immediatamente o poco dopo il contatto con l’acqua e possono durare fino a diverse ore dopo l’esposizione. I sintomi possono essere più intensi in caso di contatto con acqua calda o acqua contenente cloro o altre sostanze chimiche. Questi sintomi possono influenzare notevolmente la qualità della vita delle persone colpite, limitando le attività quotidiane come fare il bagno, nuotare o persino bere acqua.

L’orticaria acquagenica provoca prurito intenso sulla pelle, arrossamento ed eruzioni cutanee. L’orticaria acquagenica colpisce specificamente le zone della pelle in contatto con l’acqua. Questa forma di orticaria può apparire come chiazze rosse o pomfi sulla pelle e si sviluppa immediatamente dopo l’esposizione all’acqua. I ponfi sono protuberanze sollevate e pruriginose sulla pelle che possono apparire come una reazione allergica. Queste lesioni cutanee sono causate da una liberazione eccessiva di istamina e altre sostanze chimiche nel sangue in risposta a un allergene o a uno stimolo specifico. I ponfi sono spesso circondati da un’area rossa e possono variare in dimensioni. Possono apparire e scomparire rapidamente, spesso cambiando forma e dimensioni nel corso del tempo.

allergia all'acqua

Come vive chi soffre di allergia all’acqua?

Le persone con allergia all’acqua affrontano sfide significative anche nel semplice atto di bere. L’acqua è una necessità fondamentale per la vita e l’assunzione di liquidi è essenziale per il mantenimento della salute. Alcune persone con allergia all’acqua possono tollerare acqua purificata, trattata per rimuovere impurità e sostanze che potrebbero causare reazioni allergiche. Le persone con allergia all’acqua spesso si affidano a bevande non acquose come succhi di frutta, tè, caffè o bevande sportive per l’idratazione. Queste bevande non contengono solo acqua, quindi possono rappresentare alternative accettabili per mantenere l’idratazione. Le persone con allergia all’acqua possono aumentare l’assunzione di frutta e verdura con elevato contenuto d’acqua, come cetrioli, arance e zucche. Questi alimenti possono contribuire all’apporto idrico totale. In caso di disidratazione grave o perdita di liquidi, il medico potrebbe raccomandare soluzioni di reidratazione orale specifiche per mantenere l’equilibrio elettrolitico.

Chi soffre di allergia all’acqua si trova ad affrontare sfide quotidiane uniche che possono avere un impatto significativo sulla loro qualità di vita. Vivere con questa condizione richiede una costante consapevolezza e adozione di strategie per minimizzare l’esposizione all’acqua e gestire i sintomi quando si verificano. Le persone con questa condizione devono cercare di minimizzare il contatto con l’acqua il più possibile. Questo può comportare la necessità di evitare il nuoto, le docce prolungate e altre attività legate all’acqua. Anche attività quotidiane come lavarsi le mani o bere possono risultare problematiche. Alcune persone con allergia all’acqua cercano prodotti specifici come detergenti per il corpo e shampoo che contengono il minor quantitativo possibile di acqua. Alcuni si affidano all’uso di prodotti per la pulizia senza risciacquo. In alcune situazioni, le persone con allergia all’acqua possono indossare guanti o indumenti impermeabili per proteggersi dalla pelle.

Come avviene la diagnosi

Per diagnosticare l’allergia all’acqua e l’orticaria acquagenica, i medici utilizzano diversi metodi e test. Il medico raccoglierà un’anamnesi dettagliata per comprendere i sintomi del paziente e le circostanze in cui si verificano. I medici possono eseguire test di contatto con l’acqua, in cui parti del corpo vengono esposte all’acqua per valutare le reazioni cutanee. Questi test possono includere l’immersione di un braccio o una gamba in acqua per osservare eventuali eruzioni cutanee, prurito o gonfiore. In alcuni casi, i pazienti possono essere sottoposti a test di immersione, dove vengono immersi completamente in acqua per osservare le reazioni cutanee.

Possono essere effettuati anche test di scratch, che coinvolgono il raschiamento della superficie della pelle e l’applicazione di gocce d’acqua per valutare le reazioni cutanee locali. Il patch test coinvolge l’applicazione di sostanze chimiche sospettate di causare allergie su piccoli cerotti, che vengono quindi applicati sulla pelle per un periodo di tempo. Questo test può identificare allergie cutanee a specifiche sostanze chimiche. Anche gli esami del sangue, come il dosaggio degli anticorpi specifici, possono essere eseguiti per identificare reazioni allergiche sistemiche.

allergia all'acqua

Trattamenti e terapie

Per gestire l’allergia all’acqua e l’orticaria acquagenica, è importante adottare un approccio che comprenda terapie farmacologiche, cambiamenti nello stile di vita e rimedi naturali. Gli antistaminici sono farmaci comuni utilizzati per trattare le reazioni allergiche. Possono aiutare a ridurre prurito, eruzioni cutanee e gonfiore associati all’allergia all’acqua e all’orticaria acquagenica. I corticosteroidi topici o orali possono essere prescritti per ridurre l’infiammazione e il prurito sulla pelle. Nei casi di reazioni gravi, l’epinefrina può essere necessaria per trattare l’anafilassi, una reazione allergica grave e potenzialmente letale.

I pazienti con allergia all’acqua devono evitare l’esposizione prolungata all’acqua e prendere misure per proteggere la pelle quando è necessario il contatto con l’acqua. Inoltre, si può ridurre la durata delle docce e utilizzare acqua tiepida anziché calda per ridurre l’irritazione della pelle. È importante anche mantenere la pelle ben idratata con creme o lozioni emollienti per prevenire la secchezza cutanea. Alcune persone trovano sollievo da prurito e irritazione cutanea usando rimedi naturali come l’olio di cocco, l’avena colloidale o il gel di aloe vera.

Altre condizioni correlate

Ci sono tante diverse condizioni di allergia e orticaria, che si differenziano per sintomi e modalità di manifestazione.

Tipologie di orticaria

La forma più comune di orticaria è l’orticaria acuta, che può essere scatenata da allergie alimentari, punture d’insetto, farmaci o infezioni. Le eruzioni cutanee e il prurito iniziano improvvisamente e possono durare da poche ore a diverse settimane. Esistono poi altre tipologia, tra cui le principali sono le seguenti.

  • Orticaria cronica: questa forma di orticaria persiste per più di sei settimane ed è spesso idiopatica, il che significa che la causa non è nota. Alcuni casi di orticaria cronica possono essere legati a disturbi autoimmuni.
  • Orticaria fisica: questa forma di orticaria è scatenata da stimoli fisici come il calore, il freddo, la pressione, il sudore o l’esposizione al sole. I sintomi compaiono nella zona della pelle esposta allo stimolo.
  • Orticaria da contatto: si verifica a seguito del contatto diretto con sostanze irritanti come piante, lattice, detergenti o sostanze chimiche. La reazione può verificarsi solo nella zona a contatto con la sostanza.
  • Orticaria pigmentosa: è una forma rara di orticaria che colpisce principalmente i bambini e si manifesta come piccole protuberanze pruriginose sulla pelle, spesso associate a condizioni come la mastocitosi.
  • Orticaria colinergica, o orticaria da stress: è una specifica forma di orticaria scatenata da situazioni che provocano un aumento della temperatura corporea. Queste possono essere l’esercizio fisico, l’assunzione di cibi speziati o l’ingestione di bevande alcoliche calde. Quando una persona sperimenta stress o eccitazione, il corpo può reagire liberando sostanze chimiche, tra cui l’istamina, che causano le tipiche eruzioni cutanee e il prurito associati all’orticaria.
  • Orticaria da sforzo: questo tipo di orticaria è scatenato dall’esercizio fisico o da sforzi intensi e può provocare eruzioni cutanee, prurito e, in casi gravi, difficoltà respiratorie.
allergia all'acqua

Dermatite del bagnante

La dermatite del bagnante, nota anche come dermatite da contatto da acqua, è una reazione cutanea irritativa o allergica che si verifica a seguito del contatto prolungato della pelle con l’acqua. Questa condizione è spesso associata all’immersione prolungata in acqua dolce, come piscine, laghi o vasche da bagno. Può verificarsi anche con l’acqua potabile, soprattutto se contiene elevate quantità di cloro o altri agenti chimici. La dermatite del bagnante provoca prurito, arrossamento, eruzioni cutanee, secchezza e desquamazione della pelle. La dermatite del bagnante può variare in gravità da lieve a grave e può durare da alcune ore a diversi giorni dopo l’esposizione all’acqua.

Le persone con pelle sensibile o soggetta a condizioni come l’eczema possono essere particolarmente suscettibili alla dermatite del bagnante. Per prevenire la dermatite del bagnante, è consigliabile fare una doccia immediatamente dopo l’immersione in acqua e utilizzare creme idratanti per mantenere la pelle ben idratata. Inoltre, occorre evitare l’uso eccessivo di prodotti chimici nelle piscine o nei bagni, poiché questi possono aggravare la condizione.

Prurito dopo la doccia o dopo il mare

Il prurito dopo la doccia è un problema comune e può essere causato da diverse condizioni o fattori molto diversi rispetto all’allergia all’acqua. L’acqua calda e i detergenti possono rimuovere gli oli naturali della pelle, causando secchezza cutanea. La pelle secca può prudere, soprattutto dopo il contatto con l’acqua. Alcuni detergenti, saponi o prodotti per la doccia possono contenere sostanze chimiche che irritano la pelle, causando una reazione allergica con prurito. Alcune persone possono sviluppare una reazione allergica ai detersivi per il bucato o al materiale delle asciugamani, che può causare prurito dopo aver asciugato la pelle. Le persone con dermatite atopica (eczema) hanno la pelle estremamente secca e possono sviluppare prurito dopo il contatto con l’acqua. Inoltre, l’uso di shampoo, balsami o lozioni per il corpo contenenti allergeni o sostanze irritanti può essere un’altra causa di prurito dopo la doccia.

Anche il prurito dopo aver fatto il bagno al mare può essere causato da diverse condizioni o fattori. Il sale presente nell’acqua del mare può asciugare la pelle e irritarla, causando prurito. Inoltre, la sabbia può grattare la pelle, peggiorando l’irritazione. L’acqua salata del mare può causare secchezza cutanea, soprattutto se si rimane a lungo in acqua senza fare una doccia immediatamente dopo l’immersione. Alcune persone possono sviluppare allergie a organismi come meduse, alghe o coralli. Il contatto con questi organismi può causare reazioni allergiche, tra cui prurito, eruzioni cutanee e gonfiore. L’esposizione prolungata al sole dopo il bagno in mare può peggiorare il prurito e l’irritazione della pelle, specialmente se la pelle è già irritata dall’acqua salata. Anche alcuni prodotti chimici usati nelle piscine o nelle zone costiere, come il cloro, possono irritare la pelle e causare prurito.

Tipologie di allergia

Esistono diverse tipologie di allergie, o reazioni del sistema immunitario a sostanze comuni o inoffensive, che possono scatenare una varietà di sintomi. Le allergie più comuni includono:

  • Allergie alimentari: queste allergie sono scatenate da cibi specifici come arachidi, frutta a guscio, latte, uova, grano, pesce e crostacei. I sintomi possono variare da lievi (ad esempio, prurito e gonfiore) a gravi (ad esempio, anafilassi).
  • Allergie respiratorie: queste allergie coinvolgono sostanze aeree come polline, peli di animali, muffe e acari della polvere. I sintomi comuni includono starnuti, congestione nasale, prurito agli occhi e alla gola e asma.
  • Allergie da puntura di insetti: queste allergie sono scatenate da punture di api, vespe, zanzare o altri insetti. Le reazioni possono variare da gonfiore e arrossamento nel sito della puntura a gravi reazioni sistemiche come difficoltà respiratorie.
  • Allergie cutanee: queste allergie coinvolgono contatto diretto con sostanze come lattice, nichel o alcune sostanze chimiche presenti in cosmetici o detergenti. Possono causare eruzioni cutanee, prurito e gonfiore.
  • Allergie da farmaci: queste allergie coinvolgono farmaci come antibiotici, analgesici o anestetici. Le reazioni possono variare da eruzioni cutanee a reazioni gravi come lo shock anafilattico.
  • Allergia al freddo: questa rara allergia, conosciuta come orticaria da freddo, è scatenata da esposizione al freddo e può causare eruzioni cutanee, gonfiore e prurito sulla pelle esposta al freddo.

FONTI VERIFICATE:

AUTORE

Maria Chiara Cavuoto

Studentessa magistrale di Ingegneria Energetica all'Università di Bologna, interessata ai settori dell'efficienza energetica e delle fonti rinnovabili. Appassionata di tematiche ambientali e attenta alle nuove scoperte scientifiche, mi piace capire a fondo ciò che mi circonda, per migliorarlo ma senza dimenticare di rispettarlo. Autrice per #EnergyCuE da novembre 2020

INFO

I contenuti di questo sito possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati, esposti, rappresentati e modificati esclusivamente riportando la fonte e l’URL

PARTNER

Kobold Studio Depositphotos

Biomed è l’area dell’Hub di CUENEWS dedicata all’ingegneria biomedica, alla medicina e alla tecnologia applicata all’essere umano con tutti gli aggiornamenti, le scoperte, le innovazioni gli eventi del settore.