Close-up Engeneering

BA.2.87.1: la nuova variante Covid-19 scoperta in Sudafrica

La variante BA.2.87.1 del Sars-CoV-2, scoperta in Sudafrica e caratterizzata da oltre 100 mutazioni, solleva nuove questioni sulla sua trasmissibilità e patogenicità, richiamando l'attenzione globale sulla necessità di monitoraggio e ricerca continua.

Close-up Engineering

AUTORE: Redazione

Close-up Engineering

PUBBLICATO IL: 2 Febbraio 2024

Covid-19

Il panorama pandemico globale si arricchisce, o meglio si complica, con l’arrivo di un nuovo attore virale: la variante BA.2.87.1 la nuova variante Covid-19, o meglio, del virus Sars-CoV-2, scoperta in Sudafrica. Questo nuovo lignaggio, individuato dallo stesso team di virologi che ha portato alla luce Omicron, rappresenta un enigma scientifico con oltre 100 mutazioni, un record che solleva interrogativi sulla sua trasmissibilità e patogenicità.

Il puzzle genetico di BA.2.87.1 la nuova variante Covid-19 : tra ipermutazione e incognite epidemiologiche

Caratterizzata da un profilo genetico estremamente divergente, questa variante porta con sé più di 30 mutazioni nella sola proteina Spike, il meccanismo di ingresso del virus nelle cellule umane. Il direttore del Centro per la risposta alle epidemie e l’innovazione alla Stellenbosch University, Tulio de Oliveira, ha evidenziato la singolarità di BA.2.87.1, sottolineando la sua distinzione genetica dai lignaggi di Omicron attualmente in circolazione.

L’emergere di questa variante fra settembre e novembre 2023 solleva domande sulla sua origine, che potrebbe essere tracciata a un’infezione cronica umana o, meno probabilmente, a un serbatoio animale. La sua scoperta pone l’accento sull’incessante evoluzione del virus e sulla necessità di una vigilanza genomica costante.

La risposta del Sudafrica e le prospettive future

Nonostante l’allerta sollevata, i dati preliminari indicano che BA.2.87.1 non ha ancora dimostrato una trasmissibilità o una patogenicità superiore rispetto alle varianti dominanti, come conferma la situazione epidemiologica stabile in Sudafrica. Tuttavia, la sua minore capacità di eludere il sistema immunitario, rispetto ad altre varianti, non ne attenua l’importanza nel panorama virologico attuale.

BA.2.87.1, la nuova variante Covid-19: vigilanza e monitoraggio

L’epidemiologo Massimo Ciccozzi ha esortato alla cautela, rimarcando l’importanza di tenere sotto osservazione BA.2.87.1. La presenza di mutazioni significative e delezioni nella proteina Spike evidenzia una strategia evolutiva del virus volta a eludere le difese immunitarie. Questi cambiamenti genetici rappresentano un campanello d’allarme che non può essere ignorato.

Un passo avanti nella comprensione del virus

La scoperta della variante BA.2.87.1 mette in luce la complessità della lotta contro il Sars-CoV-2 e l’importanza di un approccio globale nella ricerca e nella sorveglianza. La scienza, armata di sequenziamento genetico e analisi epidemiologica, continua a essere la nostra migliore difesa nella corsa contro il tempo e contro un virus che non smette di sorprenderci. La collaborazione internazionale e la condivisione di dati si rivelano, ancora una volta, essenziali per anticipare le mosse di un avversario invisibile ma estremamente resiliente.

AUTORE

Redazione

Entra in contatto con la redazione di Close-up Engineering, scrivici all'indirizzo desk@closeupengineering.it

INFO

I contenuti di questo sito possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati, esposti, rappresentati e modificati esclusivamente riportando la fonte e l’URL

PARTNER

Kobold Studio Depositphotos

Biomed è l’area dell’Hub di CUENEWS dedicata all’ingegneria biomedica, alla medicina e alla tecnologia applicata all’essere umano con tutti gli aggiornamenti, le scoperte, le innovazioni gli eventi del settore.