Biomed CuE » Medicina » Con il vaccino antinfluenzale universale non saranno più necessari richiami annuali

Con il vaccino antinfluenzale universale non saranno più necessari richiami annuali

Gli scienziati della Scripps Research, dell’Università di Chicago e della Icahn School of Medicine del Monte Sinai hanno identificato un nuovo tallone d’Achille del virus dell’influenza, facendo progressi nella ricerca di un vaccino antinfluenzale universale.

Categorie Innovazione · Medicina · Terapeutica

Gli anticorpi contro una sezione del virus dell’influenza a lungo ignorata, che il team ha soprannominato l’ancora, hanno il potenziale per riconoscere un’ampia varietà di ceppi influenzali, anche se il virus muta di anno in anno. Questa scoperta é un grande passo avanti nella progettazione di un vaccino antinfluenzale universale.

Il virus dell’influenza

Globalmente, ogni anno, il virus influenzale colpisce tra il 5 e il 15% della popolazione adulta (vale a dire da 350 milioni a 1 miliardo di persone), un’incidenza che sale al 20-30% nei bambini. 

Tra i 3 e i 5 milioni di casi di influenza riportati annualmente evolvono in complicanze che causano il decesso in circa il 10% dei casi (vale a dire da 250 a 500 mila persone), soprattutto tra i gruppi di popolazione a rischio (bambini sotto i 5 anni, anziani e persone affette da malattie croniche).

Influenza stagione e vaccino

Gli effetti del virus influenzale non sono uguali nel mondo. Nei Paesi industrializzati l’influenza si rivela fatale soprattutto tra le persone di età superiore ai 65 anni. L’impatto nei Paesi in via di sviluppo non è noto con certezza, tuttavia si stima che l’influenza causi un’elevata percentuale di decessi tra i bambini.

Il vaccino antinfluenzale oggi

I vaccini contro l’influenza in genere spingono il sistema immunitario a generare anticorpi che riconoscono la testa dell’emoagglutinina (HA), una proteina che si estende verso l’esterno dalla superficie del virus dell’influenza.

Emoagglutinina nel virus dell'influenza

La testa è la regione più accessibile dell’HA, il che la rende un buon bersaglio per il sistema immunitario; purtroppo è anche uno dei più variabili. Di anno in anno, il capo dell’HA spesso muta, rendendo necessari nuovi vaccini.

Il vaccino antinfluenzale universale

I ricercatori hanno progettato vaccini antinfluenzali sperimentali per essere più universali, stimolando il corpo a produrre anticorpi contro la regione meno variabile dell’HA. Questa regione si estende come uno stelo tra il virus dell’influenza e la testa dell’HA. Alcuni di questi vaccini antinfluenzali universali sono attualmente in fase di sperimentazione clinica.

Emoagglutinina e vaccino antinfluenzale universale

La scoperta

Nel nuovo studio, un team di scienziati ha caratterizzato 358 diversi anticorpi presenti nel sangue di persone a cui era stato:

  • Somministrato un vaccino contro l’influenza stagionale, oppure
  • Erano in uno studio di fase I per un vaccino antinfluenzale universale sperimentale, oppure
  • Erano state naturalmente infettate da influenza.

Molti degli anticorpi presenti nel sangue dei partecipanti erano già noti per riconoscere la testa o il gambo dell’HA. Ma spiccava una collezione di nuovi anticorpi; gli anticorpi che si legano alla parte inferiore dello stelo, vicino al punto in cui ogni molecola di HA è attaccata alla membrana del virus dell’influenza.

Gli anticorpi scoperti sono comuni

I co-primi autori del manoscritto – Julianna Han, una scienziata del laboratorio di Ward, e Jenna Guthmiller, una borsista post-dottorato presso l’Università di Chicago – hanno chiamato questa sezione di HA “ancora” e hanno iniziato a studiarla ulteriormente.

In tutto, gli scienziati hanno identificato 50 diversi anticorpi contro l’ancora HA, da un totale di 21 individui. Gli anticorpi hanno riconosciuto una varietà di virus dell’influenza H1, che rappresentano molti ceppi di influenza stagionale. Alcuni degli anticorpi sono stati anche in grado di riconoscere i ceppi di influenza pandemica H2 e H5 nei test di laboratorio. Nei topi, gli anticorpi hanno protetto con successo contro l’infezione da tre diversi virus dell’influenza H1.

È importante sottolineare che questi anticorpi sembrano essere abbastanza comuni nelle persone e appartengono a una classe di anticorpi che il corpo di qualsiasi persona può produrre – una considerazione importante nella progettazione di un vaccino per stimolare il loro sviluppo.

Il sistema immunitario umano ha già la capacità di produrre anticorpi contro questo epitopo, quindi è solo questione di applicare i moderni metodi di ingegneria proteica per creare un vaccino in grado di indurre la produzione di quegli anticorpi in numero sufficiente.

Jenna Guthmiller, borsista post-dottorato presso l’Università di Chicago

Il futuro del vaccino antinfluenzale universale

I ricercatori affermano che un vaccino universale potrebbe portare in modo più mirato a generare anticorpi. Fino ad ora, gli scienziati che progettavano vaccini universali non avevano prestato attenzione al fatto che la regione di ancoraggio dello stelo fosse inclusa come bersaglio.

Idealmente, un vaccino antinfluenzale universale porterà alla formazione di anticorpi contro più sezioni del virus per aumentare la protezione contro i virus in evoluzione.

 I ricercatori stanno pianificando studi futuri su come progettare un vaccino che colpisca più direttamente l’ancora HA di diversi ceppi di influenza.