fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Fedez rischia la sclerosi multipla: cosa dicono gli specialisti?

Il giovane rapper italiano proveniente dalla periferia milanese, Fedez , pseudonimo di Federico Leonardo Lucia, rischia la sclerosi multipla. A raccontare i dettagli del delicato problema di salute, anticipato qualche mese fa in un lungo post su Instagram, è lo stesso cantante in una commovente intervista, tenutasi nel salotto di Peter Gomez, durante la nuova stagione del programma “La Confessione”, che ha debuttato lo scorso giovedì 5 dicembre su Nove. Fedez rivela che l’anomalia emersa nel corso di un controllo medico, di cui aveva scritto lo scorso 17 giugno, consiste in una demielinizzazione, una piccola cicatrice che indica un’area del sistema nervoso in cui le fibre nervose hanno perso la guaina mielinica che le riveste e che normalmente permette la corretta trasmissione di segnali neurali. Si tratta dunque di un possibile campanello d’allarme della sclerosi multipla.

urbanpost.it

[amazon_link asins=’1724255096,8867772341,8847017106,B07FFS12QL,8804674938′ template=’ProductCarousel’ store=’biocue-21′ marketplace=’IT’ link_id=’6214ebf4-70d4-4615-a302-855e777e6e41′]

La Sm è una malattia che colpisce il sistema nervoso centrale, caratterizzata da una reazione anomala delle difese immunitarie che attaccano alcuni componenti del sistema nervoso centrale scambiandoli per agenti estranei, per questo rientra tra le patologie autoimmuni. Il processo infiammatorio, scatenato dal sistema immunitario, può danneggiare sia la mielina (guaina che circonda e isola le fibre nervose) sia le cellule specializzate nella sua produzione (oligodendrociti) che le fibre nervose stesse. Questo processo, detto demielinizzazione può provocare aree di perdita o lesione della mielina, che vengono definite placche. Possono presentarsi ovunque nel sistema nervoso centrale, in particolare nei nervi ottici, cervelletto e midollo spinale. Le placche possono evolvere da una fase infiammatoria iniziale a una fase cronica, in cui assumono caratteristiche simili a cicatrici, dette sclerosi. In base all’entità e alla sede della lesione nel sistema nervoso centrale possono manifestarsi sintomi anche molto diversi tra loro.

Nel caso di Fedez, però, non si tratta ancora di una diagnosi, ma dell’indizio di un possibile rischio, da tenere semplicemente sotto controllo. Il cantante ha difatti raccontato di aver ricevuto una diagnosi di sindrome radiologicamente “verificata”, intendendo probabilmente una sindrome radiologicamente isolata, cioè un’anomalia compatibile con le lesioni caratteristiche della sclerosi multipla, riscontrata però casualmente in soggetti che non presentano nessun possibile sintomo della malattia.

A chiarire questo aspetto è stato Marco Salvetti, professore di neurologia della Sapienza, Ospedale Sant’Andrea, e membro del consiglio di amministrazione della Federazione Italiana Sclerosi Multipla : “La diagnosi di sclerosi multipla normalmente si fa in persone che presentano sintomi specifici della patologia, che vengono confermati da un’analisi radiologica. È, dunque, un tipo di diagnosi in cui servono tanti indizi per fare una prova, per questo motivo quando un paziente si sottopone a una risonanza magnetica per tutt’altro motivo ed emergono lesioni compatibili con la sclerosi multipla, in assenza di sintomi, si parla di sindrome radiologicamente isolata: una condizione in cui è impossibile prevedere se svilupperà, o meno, una sclerosi multipla”.

A seguito dello scalpore suscitato dalla dichiarazione di Fedez, è intervenuto anche il professore Mario Alberto Battaglia, presidente della Federazione Italiana Sclerosi Multipla (FISM), commentando la confessione del giovane rapper con le seguenti parole:

La Sclerosi multipla è una grave malattia, ma è anche la patologia per la quale la scienza ha compiuto veri passi da gigante in questi ultimi vent’anni. È una malattia che oggi non deve fare più paura, perché la si può affrontare grazie ai punti di assistenza, alla rete sociale, ai farmaci. Oggi i Centri clinici e l’Aism danno a tutti la possibilità di vivere la propria vita oltre la patologia”. Il numero uno della Fism aggiunge che “il messaggio importante per i giovani è che nella Ris “Sindrome Radiologicamente Isolata”, diagnosticata a Fedez come in tutte le forme di Sm è necessario affrontare correttamente la diagnosi con un neurologo e poi, se serve, decidere insieme di intraprendere una terapia per non permettere l’evoluzione della malattia.

Secondo il professor Battaglia oggi i giovani che ricevono diagnosi di Sm tra i 20 e i 40 anni possono affrontarla positivamente e vivere la propria vita oltre la malattia perché quasi sicuramente non raggiungeranno mai i livelli di disabilità che in passato colpivano chi ne era affetto. Malgrado la Sm sia una malattia cronica e ancora non esista una cura definitiva, attualmente sono infatti disponibili numerose terapie che modificano il suo andamento, rallentandone la progressione. Vediamo in maniera approfondita quali sono i sintomi, le cause e i possibili trattamenti farmacologici attualmente adoperati nella cura della sclerosi multipla.

Sclerosi multipla: sintomi e cause della patologia

Nelle fasi iniziali della sclerosi multipla i sintomi possono essere anche solo transitori e lievi. Visto che può colpire qualsiasi parte del sistema nervoso centrale, la patologia può manifestarsi in modo diverso. Tra i sintomi più ricorrenti ci sono difficoltà di equilibrio, problemi di vista, fatica, debolezza.

Per quanto riguarda le cause della patologia purtroppo al momento sono ancora sconosciute. Oggi sappiamo però che la sclerosi multipla può insorgere in presenza di molteplici fattori sia genetici che ambientali. Grazie alla codificazione del genoma umano è stato possibile effettuare studi che hanno permesso di individuare circa 200 geni che possono essere considerati delle componenti di rischio della malattia. Inoltre, anche se non sappiamo con certezza cosa ci sia nell’ambiente che possa far ammalare di sclerosi multipla, alcuni fattori ambientali come il virus di Epstein Barr o i bassi livelli di vitamina D nel sangue, sono stati associati al rischio di andare incontro alla malattia.

[amazon_link asins=’B00N28818A’ template=’ProductAd’ store=’biocue-21′ marketplace=’IT’ link_id=’5304b893-9b91-4f25-8558-5bc4a97681eb’]

Diagnosi

La diagnosi di Sm implica la presenza di sintomi neurologici. In rapporto a questi vengono richiesti diversi accertamenti che possono confermare o meno la diagnosi. In rari casi invece può accadere che una persona esegua gli stessi accertamenti per sintomi non legati alla malattia. È il caso, ad esempio, di una risonanza magnetica eseguita per un mal di testa dopo un trauma cranico. Se la risonanza mostra alterazioni compatibili con la Sm quella persona avrà un certo rischio (ma per fortuna non la certezza) di sviluppare la malattia. Sostanzialmente fino a quando non ci sono sintomi non c’è diagnosi.

Trattamento farmacologico

Le classi di farmaci attualmente utilizzate nel trattamento della sclerosi multipla sono le seguenti:
steroidi: la somministrazione di corticosteroidi negli attacchi acuti di sclerosi multipla è indicata per un miglioramento a breve termine dei sintomi. Ad ogni modo, è doveroso sottolineare che, ad oggi, la posologia e la durata del trattamento ideali sono ancora oggetto di studio.
immunomodulatori: gli anticorpi monoclonali possono essere utilizzati in terapia per alleggerire i sintomi associati alla sclerosi multipla;
antidepressivi: l’alterazione dell’umore, l’irritabilità e la tendenza al pianto possono accompagnare la sclerosi multipla; per migliorare l’umore del paziente è consigliata la somministrazione di farmaci antidepressivi;
farmaci innovativi per correggere i disturbi della deambulazione: solitamente si tratta di bloccanti dei canali del potassio delle membrane dei neuroni, somministrati al fine di  aumentare la capacità di trasmissione dell’impulso nervoso e migliorare la capacità motoria.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Cristiana Rizzutohttps://biomedicalcue.it
Studentessa di Ingegneria Biomedica, alla costante ricerca della poesia nella scienza, della sinuosità nella robotica, dell’arte nella tecnologia. Fondamentalmente curiosa, affamata di conoscenza, di indole entusiasta: mi piace immaginare la matematica come un linguaggio armonico e segreto della natura e l’ingegneria biomedica come un'ingegneria "umana", una scienza della vita.