Biomed CuE » Robotica » Un gatto robotico per aiutare i pazienti con Alzheimer o altri tipi di demenza

Un gatto robotico per aiutare i pazienti con Alzheimer o altri tipi di demenza

I ricercatori della Florida Atlantic University hanno testato un gatto robotico nella sua capacità di influenzare l'umore e la cognizione dei pazienti con demenza.

Categorie Robotica

Un gruppo di ricerca della Florida Atlantic University ha testato la capacità di un gatto robotico di influenzare l’umore e la cognizione dei pazienti con Alzheimer o altri tipi di demenza. Il dispositivo peloso si muove, emette rumori realistici e può fornire una fonte di compagnia e intrattenimento per i pazienti, senza l’impegno di prendersi cura di un vero animale. Poiché i pazienti con demenza possono manifestare sintomi psicologici, come ansia e depressione, la tecnologia rappresenta un intervento a basso impatto che evita i potenziali effetti collaterali del trattamento farmacologico. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Issues in Mental Health Nursing.

Alzheimer e demenza: l’importanza della pet therapy

Un gatto robotico per aiutare i pazienti con Alzheimer o altri tipi di demenza.

La demenza è estremamente impegnativa per coloro che convivono con essa, così come per i loro familiari e caregiver. Gli individui con malattia di Alzheimer o altri tipi di demenza sperimentano frequentemente sintomi comportamentali e psicologici come depressione, aggressività e ansia. Spesso questi sintomi vengono trattati con antipsicotici, antidepressivi e benzodiazepine, ma tali trattamenti comportano il rischio di effetti collaterali.

“Poiché non esiste una cura per la demenza, il nostro progetto offre un modo per affrontare i sintomi in modo naturale e senza l’uso di trattamenti farmacologici, che possono o meno essere efficaci e avere possibili effetti collaterali dannosi”, ha affermato Bryanna Streit LaRose, ricercatrice coinvolta nello studio.

Quest’ultima tecnica si basa sulla pet therapy, in cui l’interazione con animali domestici, come cani o gatti, può fornire benefici psicologici ai pazienti. Tuttavia, il semplice rilascio di un branco di cani o gatti in un centro di assistenza genererebbe una situazione di caos controproducente. Inoltre, i pazienti con demenza potrebbero non essere adeguatamente preparati per prendersi cura dei bisogni di un animale vivo.

Un gatto robotico da compagnia per i pazienti con Alzheimer e demenza

Il team di ricerca ha scelto come soluzione la robotica, grazie alla quale un animale robotico potrebbe fornire i benefici della pet therapy senza le complicazioni degli animali vivi. Pertanto, i ricercatori del Christine E. Lynn College of Nursing della Florida Atlantic University hanno testato l’efficacia di gatti da compagnia robotici interattivi a prezzi accessibili al fine di migliorare l’umore, il comportamento e la cognizione negli anziani con demenza da lieve a moderata. L’intervento non farmacologico si è svolto nel corso di 12 visite presso un centro diurno per adulti. I partecipanti sono stati informati del fatto che il loro animale domestico era un robot e non un animale vivo. Ognuno di loro ha scelto un nome per il proprio gatto, che è stato dotato di un collare e di una targhetta personalizzata.

Le misure utilizzate per la valutazione

Per lo studio, i ricercatori hanno valutato l’umore e i sintomi comportamentali utilizzando:

  • Alzheimer’s Disease and Related Dementias Mood Scale (AD-RD), sviluppata per misurare l’umore positivo (spiritoso e contento), il comportamento positivo (affettivo, loquace e cooperativo), l’umore negativo (ostile, apatico e triste) e il comportamento negativo (aggressivo). Il sistema di valutazione va da 1 (mai esibito) a 5 (sempre esibito) e si basa sull’osservazione diretta.
  • Observed Emotion Rating Scale (OERS), sviluppata per misurare gli stati affettivi negli anziani con malattia di Alzheimer, in particolare le emozioni positive (piacere e prontezza) e le emozioni negative (rabbia, ansia/paura e tristezza). L’uso di una scala facciale consente l’osservazione diretta dell’espressione facciale, del movimento del corpo e di altri segnali che non dipendono dall’autovalutazione.
  • Cornell Scale for Depression in Dementia (CSDD), questionario di 19 voci sviluppato per valutare i sintomi della depressione nei pazienti affetti da demenza. I sintomi sono valutati su una scala di assente, lieve o intermittente e grave.

Hanno anche valutato la cognizione tramite il Mini Mental State Examination (MMSE), una scala di 30 item che testa la memoria, l’attenzione, l’orientamento, la comprensione, la registrazione e la funzione. Richiede solo da 5 a 10 minuti per essere amministrato. Un punteggio da 20 a 24 è indicativo di demenza lieve e da 13 a 20 di demenza moderata. Un risultato inferiore a 12 è indicativo di demenza grave. In media, il punteggio MMSE di una persona con Alzheimer diminuisce di circa due o quattro punti ogni anno.

I risultati dell’interazione tra gatto robotico e malati di Alzheimer o altri tipi di demenza

Un gatto robotico per aiutare i pazienti con Alzheimer o altri tipi di demenza.

I risultati hanno mostrato che l’interazione con un gatto robotico ha migliorato tutti i punteggi dell’umore nel tempo. Sono stati riscontrati miglioramenti significativi nella Observed Emotion Rating Scale (OERS) e nella Cornell Scale for Depression in Dementia (CSDD). Più della metà dei partecipanti ha ottenuto punteggi più alti al Mini Mental State Examination (MMSE) post-test rispetto al pre-test, con un miglioramento da lieve a moderato in attenzione/calcolo, lingua e registrazione. I punteggi post-test sulla scala Alzheimer’s Disease and Related Dementias Mood Scale (AD-RD) erano sei punti più alti rispetto alle condizioni pre-test.

I ricercatori hanno spesso osservato i partecipanti allo studio sorridere e parlare con i loro gatti robotici ed esprimere sentimenti come “il gatto mi guarda come qualcuno che mi ascolta e mi ama”. I pazienti credevano che l’animale domestico robotico stesse rispondendo alle loro affermazioni miagolando, girando la testa o sbattendo le palpebre. Si sentivano come se stessero conversando con l’animale domestico. Molti dei caregiver hanno riferito che la persona amata aveva dormito con il gatto, si era tenuto stretto il gatto quando era seduto o aveva giocato costantemente con il gatto. Una partecipante ha persino dormito con il suo gatto robotico mentre era ricoverata in ospedale.

Un metodo alternativo sicuro per migliorare l’umore e il comportamento dei pazienti con demenza

Usando animali terapeutici invece di animali vivi non c’era alcuna preoccupazione per la sicurezza dell’animale, per dargli da mangiare, portarlo fuori o assicurarsi che fosse aggiornato con i suoi vaccini. Inoltre, non c’erano timori per la sicurezza dei partecipanti a causa di possibili aggressioni da parte degli animali domestici, allergie, rischio di inciampare su di loro e costi associati alla cura di un animale vivo.

“Oltre a migliorare l’umore, i comportamenti e la cognizione, questi gatti robotici hanno fornito ai nostri partecipanti un modo alternativo per esprimersi“, ha affermato Lisa Kirk Wiese, Ph.D., professoressa associata al Christine E. Lynn College of Nursing. “È importante sottolineare che il miglioramento dell’umore e del comportamento generale negli individui con malattia di Alzheimer e demenze correlate può anche migliorare la qualità della vita per i loro caregiver e familiari”.

“Negli Stati Uniti, un anziano su tre muore con il morbo di Alzheimer o una demenza correlata e attualmente non esiste una cura”, ha affermato Safiya George, Ph.D., preside e professoressa del Christine E. Lynn College of Nursing. “Questo intervento terapeutico interattivo con animali domestici ha dimostrato di essere un metodo alternativo sicuro per migliorare l’umore e il comportamento nelle persone con demenza che frequentano un centro diurno per adulti”.