fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Hantavirus: muore un uomo in Cina

Ancora nel pieno della pandemia di Coronavirus, giunge dalla Cina la notizia che un uomo, il 24 Marzo 2020, è morto di hantavirus. Un uomo particolarmente sfortunato, dal momento che il contagio animale-uomo è molto molto raro.

Che cosa sono gli hantavirus?

Gli Orthohantavirus, comunemente chiamati hantavirus, sono virus a RNA (acido ribonucleico), ma che non c’entrano nulla con il nuovo coronavirus, noto anche come covid-19. Ne esistono oltre 30 sottotipi e alcuni risultano potenzialmente mortali. Questi ultimi possono manifestarsi con febbre emorragica con sindrome renale e sindrome polmonare, cefalea, lombalgia e dolori addominali.

Gli hantavirus vivono nei roditori selvatici e domestici, ma ciascun tipo è ospite di uno specifico vettore animale. Per questo la diffusione varia molto, in base all’area geografica. Ad oggi, si registrano casi principalmente in Russia, Corea, Cina e Nord America. Gli animali ospitanti, eliminano gli hantavirus virus attraverso feci ed urine.

Contagio da hantavirus

Come anticipato, il contagio di hantavirus dagli animali all’uomo è altamente improbabile. Essi si trasmettono attraverso l’inalazione di escrementi dei topi infetti, o il contatto con lesioni della pelle di urine, feci, saliva.

Il primo caso di infezione da hantavirus a colpire l’uomo fu riscontrata negli anni ’50 durante la Guerra di Corea. Furono molti i soldati che accusavano strani sintomi, comuni però a tutti: cefalea, febbre, emorragia e insufficienza renale acuta. Ci sono alcuni documenti che riportano l’esistenza di questo tipo di infezioni da hantavirus nel 1933 negli Stati Uniti.

Ad ogni modo, solo nel 1975 riuscirono a ricondurre l’epidemia della Guerra di Corea a un hantavirus. Isolarono in laboratorio il virus da un roditore.

Hantavirus: uomo morto in cina
wesupportnarendramodi.com

Morte da hantavirus

L’ultima notizia di morte a seguito di questo virus, riguarda, quindi, un uomo proveniente dalla provincia di Yunnan, Cina. L’uomo era a bordo di un autobus, in viaggio verso la provincia di Shandong, quando è stato morso da un topo, infetto dal virus. Le 32 persone presenti sull’autobus, in piena ripresa dopo l’epidemia di coronavirus, che ha messo a dura prova la Cina, sono state sottoposte a un test. Per fortuna, i passeggeri sono risultati tutti negativi al tampone. Quindi resta poco plausibile l’ipotesi che il contagio possa avvenire da uomo a uomo. A differenza del coronavirus, che invece è pericolosamente contagioso, come già sappiamo.

Il numero di decessi registrato fino ad oggi è contenuto. Nel 1994 in Canada sono stati registrati 27 casi di infezione, di cui 9 sono giunti al decesso. Nel 2014, sempre in Canada, è stato riportato un caso di morte, a seguito di un hantavirus.

Cura e vaccini

Non si sa molto sulle cure di hantavirus, probabilmente perché la trasmissione da uomo a uomo è estremamente rara, come sottolineano anche i Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC) americani.

A differenza del covid-19, sembra esserci un vaccino contro qualche forma di hantavirus. Nel 2012, è stato creato negli Stati Uniti, anche se la sperimentazione è avvenuta solo sugli animali.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Antonella Baronehttps://biomedicalcue.it
Studentessa di ingegneria industriale presso l'Università degli studi dell'Aquila e appassionata, da sempre, dell'ambito biomedico.