Close-up Engeneering

In Italia le camere ipobariche non sono più considerate doping

L'Italia ha eliminato il divieto sull'uso delle camere e delle tende ipobariche per gli atleti, allineandosi alle normative globali antidoping e consentendo l'allenamento in condizioni simulate di alta quota senza sanzioni legali. Questa decisione apre nuove possibilità di preparazione fisica per gli sportivi italiani, offrendo vantaggi significativi in termini di prestazioni.

Close-up Engineering

AUTORE: Redazione

Close-up Engineering

PUBBLICATO IL: 14 Febbraio 2024

Legislazione sanitaria / News

In una mossa che segna una svolta decisiva nella regolamentazione dello sport italiano, la Gazzetta Ufficiale ha annunciato, a pagina 793 del 27 novembre 2023, la rimozione del divieto sull’utilizzo delle camere ipobariche per gli atleti. Questa decisione cancella una delle restrizioni più significative inserite nella legge penale antidoping 376/2000, distinguendo l’Italia sul panorama internazionale.

Una pratica ora legale per gli atleti italiani

Fino a questo momento storico, l’utilizzo di camere o tende ipobariche era considerato alla stregua di doping, con possibili squalifiche e conseguenze legali per gli atleti che ne avessero fatto uso. Ora, seguendo la nuova direttiva, gli atleti italiani possono finalmente utilizzare questi strumenti senza timore di sanzioni, allineandosi così alle pratiche globali consentite dal Codice mondiale della Wada, l’agenzia mondiale antidoping.

Cosa sono le camere e le tende ipobariche

Le camere o tende ipobariche rappresentano una tecnologia all’avanguardia nel mondo dello sport, progettate per simulare le condizioni ambientali di alta quota. Questi dispositivi regolano la pressione dell’aria e la concentrazione di ossigeno all’interno di un ambiente chiuso, creando condizioni simili a quelle che si trovano a elevati metri sul livello del mare. L’obiettivo principale dell’utilizzo di queste camere è di stimolare il corpo a rispondere agli stimoli dell’ambiente ipossico (basso contenuto di ossigeno), inducendo adattamenti fisiologici che possono migliorare le prestazioni fisiche e l’efficienza nella produzione di energia.

L’allenamento in condizioni di alta quota, simulato attraverso l’uso delle camere ipobariche, porta il corpo a incrementare la produzione di globuli rossi, che sono responsabili del trasporto dell’ossigeno nel sangue. Questo processo, noto come eritropoiesi, migliora la capacità di ossigenazione del sangue e, di conseguenza, aumenta l’efficienza dell’atleta durante lo sforzo fisico. Gli atleti utilizzano queste camere per periodi variabili, spesso per sessioni di riposo o sonno, per acclimatarsi a condizioni di alta quota senza la necessità di spostarsi geograficamente. L’accesso a queste tecnologie consente una preparazione ottimale, offrendo benefici come un miglioramento dell’endurance, della forza e della recuperabilità, essenziali per la prestazione in molteplici discipline sportive.

I benefici delle camere ipobariche

Le camere ipobariche simulano le condizioni di alta quota, riducendo la quantità di ossigeno disponibile e stimolando il corpo a produrre più globuli rossi. Questo processo naturale aumenta l’ossigenazione del sangue, offrendo vantaggi significativi in termini di prestazione atletica. Un periodo di almeno due settimane in camera ipobarica può portare a miglioramenti concreti, un’opzione che ora gli atleti italiani possono esplorare senza dover lasciare il paese o cercare condizioni meteorologiche favorevoli in alta quota.

Cambiamento accolto con favore dalla comunità ciclistica

Il precedente divieto aveva costretto atleti del calibro di Stefano Oldani, vincitore di una tappa al Giro d’Italia 2022, a cercare soluzioni alternative per l’allenamento in altura. La nuova normativa permetterà agli sportivi italiani di usufruire delle stesse opportunità dei loro colleghi internazionali, eliminando la necessità di spostamenti onerosi e complessi per trovare le condizioni ideali di allenamento.

Una decisione basata su solidi fondamenti scientifici

La revoca del divieto non è un capriccio legislativo, ma il risultato di un approfondimento scientifico-bibliografico condotto dal Consiglio Superiore di Sanità. Questo organismo ha fornito un parere tecnico scientifico a favore dell’uso delle camere ipobariche in ambito sportivo, spingendo la Sezione per il controllo sul doping a rivedere la precedente posizione in linea con le direttive internazionali.

Prospettive future per il ciclismo e altri sport

Questa modifica legislativa apre nuove prospettive per gli atleti italiani, che ora possono sfruttare appieno le tecnologie disponibili per migliorare le loro prestazioni in modo legale e sicuro. Rappresenta un passo importante verso l’armonizzazione delle regole antidoping a livello globale, garantendo equità e uniformità nelle competizioni internazionali.

L’abolizione del divieto sulle camere ipobariche rappresenta una vittoria significativa per il mondo dello sport italiano, eliminando un ostacolo che limitava le possibilità di allenamento e preparazione degli atleti nazionali. Con questa decisione, l’Italia si allinea alle pratiche globali, promuovendo un approccio più aperto e basato sulla scienza alla preparazione atletica.

FONTI VERIFICATE:

 

AUTORE

Redazione

Entra in contatto con la redazione di Close-up Engineering, scrivici all'indirizzo desk@closeupengineering.it

INFO

I contenuti di questo sito possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati, esposti, rappresentati e modificati esclusivamente riportando la fonte e l’URL

PARTNER

Kobold Studio Depositphotos

Biomed è l’area dell’Hub di CUENEWS dedicata all’ingegneria biomedica, alla medicina e alla tecnologia applicata all’essere umano con tutti gli aggiornamenti, le scoperte, le innovazioni gli eventi del settore.