fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

L’italiana Vibre lancia le neurotecnologie a servizio delle aziende

La startup italiana Vibre lancia una nuova piattaforma neurotech di applicativi dedicati alle aziende: per la prima volta, le imprese potranno utilizzare una piattaforma del genere, concessa su licenza, in maniera completamente autonoma. Nata nel 2018, il focus di Vibre è sempre stato quello di far emergere le neurotecnologie dall’ambiente della ricerca e di metterle in contatto con la massa. Questo processo è iniziato con BrainArt, il sistema che trasforma i pensieri in opere d’arte, che ha messo in contatto le Brain-Computer Interface (BCI) con decine di migliaia di persone. Con la sigla BCI facciamo riferimento a quel mondo di dispositivi e sistemi utilizzati come mezzo di comunicazione per connettere in maniera diretta il cervello con l’ambiente esterno, come può essere un computer o addirittura uno smartphone.

La piattaforma consiste in una serie di servizi esclusivi volti a migliorare il business delle aziende attraverso le neurotecnologie. Mai prima d’ora, infatti, è stato facile introdurre sistemi del genere all’interno delle aziende. Adesso sarà possibile riuscirci grazie ad un sistema che può essere utilizzato anche con dispositivi smart, wireless, ad invasività nulla per l’acquisizione dei segnali cerebrali, niente a che vedere con le ingombranti cuffie utilizzate in ambiente clinico. Ne è un esempio il Muse, prodotto dalla canadese InterAxon, una sorta di fascia poco ingombrante, facilmente indossabile ed alla portata di tutti.

Brain-Computer Interface
Muse by InterAxon

“La collaborazione con grossi brand italiani ci ha permesso di capire quali sono le loro esigenze e di cogliere quel desiderio di innovazione che ci ha portato allo sviluppo di un set di applicativi che fossero il più possibile utlizzabili in maniera immediata ed autonoma dalle aziende, anche di piccola-media dimensione. La grande novità sta infatti nel fornire all’azienda tutto il necessario, dalla strumentazione alla formazione del personale, per sfruttare le neurotecnologie in maniera indipendente.” Afferma Raffaele Salvemini, CEO di Vibre.

“La continua ricerca di indici che fossero robusti ed, allo stesso tempo, implementabili sul mercato reale ci ha spinti a riverificare quasi un secolo di studi sulle Brain-Computer Interface. Ciò ha portato il nostro team R&D ad ottenere risultati che difficilmente si sarebbero ottenuti dalla ricerca, dati i diversi vincoli in gioco. Non mancano comunque le collaborazioni con le università, se pur mantenendo il focus sul cliente finale.” Aggiunge Luca Talevi, CTO di Vibre.

Applicativi della suite fondata sulle neurotecnologie

Vibre Brain-Computer Interface

La piattaforma cloud-based, ma che su richiesta può essere offerta anche on-premise, si basa su algoritmi di intelligenza artificiale e permette di fare monitoraggio ed analisi in tempo reale su più persone contemporaneamente, in quello che viene definito Hyperscanning. Tutti i dati sensibili vengono poi gestiti in maniera criptata. Attualmente, la suite lanciata comprende 6 servizi principali:

  • NeuroExperience: gestione e realizzazione di neuroesperienze, ovvero esperienze multisensoriali, che si traducono in una modulazione dell’ambiente circostante in base alle emozioni provate.
  • NeuroPerformance: dedicato a sportivi, o comunque a soggetti sottoposti a task impegnativi, ne misura le performance a livello mentale al fine di migliorarle.
  • NeuroSense: permette di comprendere l’apprezzamento di un cliente nei confronti di un prodotto. Se prendiamo come esempio una degustazione enogastronomica, NeuroSense consente di selezionare la pietanza o il drink più adatto per il cliente in quel momento.
  • NeuroLock: dimenticatevi delle password. Basato sulla tecnologia MindPrint, questo servizio rappresenta la prima applicazione delle Brain-Computer Interface nel campo dell’autenticazione biometrica. La chiave d’accesso a sistemi protetti sarà quindi rappresentata da pattern univoci presenti nei segnali cerebrali della persona.
  • NeuroDesign: un nuovo concetto di neuromarketing. Questo servizio rileva quanto quello che il cliente sta vedendo, ad esempio la User Experience di un sito web, il packaging di un prodotto fino ad un design di interni, sia “piacevole” per la sua mente.
  • NeuroFrame: dedicato a soggetti, o team, sottoposti a qualsiasi tipo di task, ne analizza lo stato mentale: carico di lavoro cognitivo, livello di stress e focus.

Tutto ciò si basa su 3 algoritmi proprietari alla base che analizzano specifici aspetti della mente umana. Attraverso la combinazione di questi è possibile ottenere un enorme numero di applicativi. Oltre al già citato MindPrint, gli altri due sono MindPulse e MindFeel. MindPulse misura il “battito cardiaco” del cervello, traducibile nella quantificazione del carico cognitivo del soggetto e nel suo generale stato di salute mentale. MindFeel, invece, misura un indice di “piacevolezza” mentale, in modo simile a quello che viene fatto nel tradizionale neuromarketing, ma in modo più rapido e robusto.

Uno dei settori maggiormente esplorati per la destinazione di questi servizi è quello dell’Automotive, dato l’interesse diffuso, ad alti livelli, di introdurre le neurotecnologie all’interno dei veicoli, in termini di sicurezza e di supporto sia per il guidatore che per i passeggeri e di customizzazione dei veicoli.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Jacopo Ciampellihttps://biomedicalcue.it/author/jacopo-ciampelli/
Laureato magistrale in Ingegneria Biomedica presso l'Università di Bologna, da sempre appassionato di medicina e tecnologia scrivo per BiomedicalCuE dal 2017. L'altra mia grande passione è la musica, cura dell'anima.