Close-up Engeneering

Melanoma: mappe spaziali e nuove frontiere

Il melanoma è un tumore che riguarda alcune cellule della pelle e può diventare rapidamente mortale. Le mappe spaziali di questo tumore rivelano come le singole cellule interagiscono tra loro man mano che il cancro progredisce e permettono di applicare terapie mirate.

Close-up Engineering

PUBBLICATO IL: 30 Aprile 2022

Diagnostica / Innovazione

Il melanoma è un cancro un po’ insolito: fiorisce davanti ai nostri occhi, spesso sulla pelle esposta al sole, e può diventare mortale. Fortunatamente, se diagnosticato precocemente, il melanoma può spesso essere curato con un semplice intervento chirurgico. Ci sono dei trattamenti promettenti per i casi avanzati, comprese le immunoterapie che innescano il sistema immunitario di un paziente a combattere il cancro.

Tuttavia, sono ancora molti gli aspetti sconosciuti del melanoma, compresi i dettagli su come si sviluppa nelle prime fasi e su come identificare e trattare al meglio i primi casi più pericolosi. Le mappe spaziali del melanoma ci rivelano come questa tipologia di cancro si evolve aiutandoci a combatterlo.

melanoma
Differenza tra melanomi (a sinistra) e nei normali (a destra) – Credits: National Cancer Institute via Skin Cancer Foundation

Melanoma: cos’è?

Il melanoma è un tumore, spesso aggressivo, che deriva dalla trasformazione tumorale dei melanociti, alcune delle cellule che formano la pelle. La pelle è l’organo più esteso del nostro corpo ed è costituita da tre strati: l’epidermide, il derma e il tessuto sottocutaneo.

I melanociti fanno parte, insieme ai cheratinociti, dell’epidermide e hanno il compito di produrre un pigmento, la melanina. Questa ha il compito di proteggere la pelle dai danni procurati dai raggi solari. Normalmente i melanociti possono formare degli agglomerati scuri visibili sulla superficie della pelle e noti come nei.

Che cos’è una mappa spaziale

Nell’ultimo periodo la ricerca sul melanoma si è concentrata su due aree di ricerca:

  • sequenziamento del DNA dei campioni tumorali precoci per comprendere i cambiamenti genetici che si verificano quando sorge questo particolare cancro;
  • sequenziamento dell’RNA unicellulare delle immediate vicinanze del tumore, ossia del microambiente tumorale, per profilare i tipi di cellule presenti.
melanoma
Nella prima riga, evoluzione di un neo in melanoma visto da una mappa spaziale (diagramma di Voronoi). Nella seconda, immagini prese da pazienti per ciascuna delle casistiche riportate nella riga superiore – Credits: Cancer Discovery

I ricercatori non sanno come le cellule tumorali e le cellule vicine siano fisicamente disposte nello spazio e come queste cellule a livello molecolare con lo svilupparsi del melanoma. Un recente studio evidenzia il potenziale della tecnologia appena citata per quantificare le interazioni spaziali all’interno del microambiente tumorale e porta a comprendere le risposte delle terapie immunitarie.

Utilizzo delle mappe spaziali contro i melanomi

Le mappature spaziali del melanoma in fase iniziale ed avanzata vengono utilizzate al fine di identificare e monitorare le disuguaglianze nella diagnosi precoce. Le complesse interazioni tra tumore, stroma (porzione di tessuto che forma l’impalcatura di sostegno di un organo) e sistema immunitario sono fondamentali per lo sviluppo del cancro.

Il melanoma cutaneo è caratterizzato da un elevato carico di mutazione e questo rende difficile la sua comprensione. I ricercatori però hanno combinato diversi metodi spettrometrici di massa e sono riusciti ad indagare specifici marcatori e sezioni di melanoma e a comprendere nuove informazioni sulla distribuzione spaziale nelle sezioni tissutali.

vaccino antitumorale
Dermatologo che analizza un possibile melanoma su un paziente.

Nuove frontiere sul trattamento del melanoma

La chirurgia è il trattamento standard per il melanoma in fase iniziale e può essere utilizzata come parte della terapia per le malattie più avanzate. I ricercatori si stanno concentrando sullo sviluppo di trattamenti che mirano a mutazioni specifiche nelle cellule di melanoma o che sfruttano il sistema immunitario del corpo per attaccare il melanoma stesso.

Quello che è certo è che: una migliore conoscenza del microambiente tumorale e immunitario, mediante mappatura spaziale, può aiutare a determinare i biomarcatori per un’immunoterapia più efficace. Entrambi questi approcci attualmente hanno portato a notevoli miglioramenti nella sopravvivenza per i pazienti con melanoma avanzato. I ricercatori stanno continuando ad esplorare modalità per rendere questi trattamenti più efficaci per più pazienti. In questo senso, i ricercatori della Harvard Medical School (HMS) stanno costruendo un atlante di mappe spaziali di melanomi che sarà liberamente disponibile per la comunità scientifica.

Articolo a cura di Maddalena Ranzato

AUTORE

Maddalena Ranzato

Sono una studentessa magistrale di Ingegneria Clinica presso l'Università degli Studi di Trieste. Nel 2021 mi sono laureata in ingegneria biomedica presso l'Università degli Studi di Padova. La mia passione per la scrittura nasce già alle superiori con lo studio delle materie umanistiche al liceo classico. Sono appassionata da tutto ciò che è legato al mondo della medicina e dell'ingegneria, soprattutto la rigenerazione dei tessuti e la creazione di organi artificiali. Attualmente lavoro nell'ambito dell'ingegneria clinica ospedaliera.

INFO

I contenuti di questo sito possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati, esposti, rappresentati e modificati esclusivamente riportando la fonte e l’URL

PARTNER

Kobold Studio Depositphotos

Biomed è l’area dell’Hub di CUENEWS dedicata all’ingegneria biomedica, alla medicina e alla tecnologia applicata all’essere umano con tutti gli aggiornamenti, le scoperte, le innovazioni gli eventi del settore.