fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

“Memtransistor”: nuovi traguardi per il calcolo neuromorfico

Se l’obiettivo è quello di sviluppare computer sempre più potenti ed efficienti, perché non ispirarsi a quello che è il “calcolatore” per eccellenza, ovvero il cervello umano? Così facendo, si potrebbero ottenere computer a basso consumo ma con eccezionale potenza di calcolo. Questo è ciò che va sotto il nome di Neuromorphic Computing, ovvero calcolo neuromorfico, è quel campo di ricerca che negli ultimi anni ha suscitato un crescente interesse, anche da parte di grandi aziende come Ibm e Intel.

La sfida principale è cercare di imitare la complessa rete di connessioni sinaptiche; per ogni neurone, infatti, ci sono migliaia di sinapsi. La necessità di moltiplicare i segnali ha allora portato a studiare un dispositivo che sostituisca il classico transistor, ovvero il “memtransistor.”

Il “memtransistor”: una combinazione di transistors e memristors

Memtransistor
Schematizzazione di un circuito integrato con memtransistor
Credits: Northwestern University

Nella ricerca pubblicata sulla rivista Nature, i ricercatori della Northwestern University hanno proposto un nuovo elemento, derivante dalla combinazione di transistors e memristors, che loro stessi definiscono “memtransistor“. Mentre il transistor è un componente ormai familiare a gran parte di noi, lo stesso forse non si può dire riguardo al memristor. Quest’ultimo non è, però, del tutto una novità; avevamo infatti parlato di una loro possibile applicazione nelle future interfacce cervello-protesi. Brevemente possiamo descrivere il memristor come un componente circuitale passivo non lineare (più precisamente un dipolo) e il cui funzionamento di basa sulla commutazione del suo valore di resistenza. La sua peculiarità è quella di memorizzare il proprio stato elettrico e, soprattutto, di conservare l’informazione anche quando il dispositivo viene spento (memoria non volatile).

I memristors tradizionali sono dispositivi a due terminali, mentre i nostri memtransistor combinano la non volatilità di un memristor a due terminali con un transistor a tre terminali. Il design del nostro dispositivo ospita terminali aggiuntivi, che imitano le sinapsi multiple dei neuroni.

Afferma Mark Hersam a IEEE Spectrum.

Il risultato è un dispositivo che permette sia di memorizzare che di elaborare informazioni. Come descritto su Nature, i memtransistors sono stati realizzati con film continuo di disolfuro di molibdeno policristallino, a cui poi sono stati aggiunti i contatti.

Finora abbiamo dimostrato sette terminali (sei terminali a diretto contatto con il canale di disolfuro di molibdeno e un settimo terminale di gate), ma i terminali aggiuntivi dovrebbero essere ottenibili utilizzando una litografia a risoluzione più elevata.

Prosegue Hersam.

Il prossimo passo è quello di realizzare dispositivi sempre più piccoli e veloci per poter raggiungere i miliardi di transistors attualmente a disposizione in un processore e mantenere basse tensioni operative.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Jacopo Ciampellihttps://biomedicalcue.it/author/jacopo-ciampelli/
Laureato magistrale in Ingegneria Biomedica presso l'Università di Bologna, da sempre appassionato di medicina e tecnologia scrivo per BiomedicalCuE dal 2017. L'altra mia grande passione è la musica, cura dell'anima.