Recentemente è entrata in funzione per la prima volta in Europa la MRgFUS. Il suo acronimo, Magnetic Resonance guided Focused Ultrasound, sta ad indicare un trattamento che utilizza ultrasuoni focalizzati guidati dalla Risonanza Magnetica.
E’ stata installata all’Ospedale Borgo Trento dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona ed è stata presentata al pubblico dopo un periodo di test che ha permesso di valutarne l’efficacia.
Costata 7 milioni euro e prodotta in Israele, la MRgFUS consente il trattamento di diverse patologie, tra cui anche i tremori dovuti dal Parkinson.

Oltre all’alta efficacia, la MRgFUS comporta diversi vantaggi rispetto agli altri trattamenti in uso. Poiché è sufficiente una singola sessione, non è necessaria l’ospedalizzazione. Non sono necessari interventi chirurgici e anestesia e non è invasivo. Utilizzando la Risonanza Magnetica, opera senza radiazioni, non provoca alcun tipo di dolore e non presenta effetti collaterali.

MRgFUS
PH: jtultrasound.biomedcentral.com

Come funziona la MRgFUS

Il macchinario opera attraverso una Risonanza Magnetica ad alto campo (3 Tesla), che aiuta il personale ad individuare, centrare e monitorare la parte anatomica in cui intervenire, e gli ultrasuoni focalizzati, che producono una termo-ablazione nel punto focale dei tessuti malati, senza danneggiare quelli sani circostanti.

Già dagli anni ’60 la Subtalamotomia a Radiofrequenza è stata proposta per il trattamento di pazienti affetti da Parkinson. Oggi, la MRgFUS offre la possibilità di attuare una termocoagulazione subtalamica con rischi ridotti e un’accuratezza ottimizzata. Oltre ai tremori, è stato dimostrato che questa tecnica può combattere anche la rigidità e la difficoltà motoria tipiche del Parkinson. I risultati mostrano un’efficacia fino al 60% maggiore rispetto alle cure tradizionali, con un conseguente aumento della qualità della vita dei pazienti. I miglioramenti sono risultati persistenti negli anni e in alcuni casi i pazienti hanno potuto sospendere i trattamenti farmacologici.

Sviluppi futuri

In futuro si pensa di poter usare la MRgFUS non solo per il trattamento del tremore essenziale e del tremore dominante del Parkinson, ma anche del dolore neuropatico. Sarà inoltre possibile utilizzare questa procedura anche in Oncologia, per la denervazione ossea dei tumori benigni, per l’osteoma osteoide e anche per i tumori del cervello. Nel campo psichiatrico potrà essere utilizzata per il trattamento della depressione e in campo ginecologico per il trattamento di fibromi uteriniadenomiosi.

Per approfondire clicca qui

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here