Close-up Engeneering

Paure irrazionali: siamo più vicini a capire come vengono generate dal nostro cervello

Una scoperta all'Università della California a San Diego potrebbe segnare una svolta nel trattamento di disturbi come il PTSD, gettando luce su come il cervello reagisce allo stress.

Close-up Engineering

AUTORE: Redazione

Close-up Engineering

PUBBLICATO IL: 21 Marzo 2024

Innovazione / News

La paura, una sensazione che tutti conosciamo, è un meccanismo di difesa cruciale che ci protegge dai pericoli. Tuttavia, quando questa reazione si attiva in assenza di minacce reali (paure irrazionali) può diventare debilitante e dare origine a condizioni come il disturbo da stress post-traumatico (PTSD). Finora, il processo esatto attraverso il quale queste paure immotivate prendono forma nel nostro cervello è rimasto un mistero. Ma una recente ricerca dell’Università della California a San Diego offre nuove speranze per chi soffre di questi disturbi, svelando come si formano queste paure e come potrebbero essere curate.

Le paure irrazionali nel cervello

Paure irrazionali

La ricerca, guidata da Hui-Quan Li e pubblicata sulla rivista Science, si è concentrata sul ‘nucleo dorsale del rafe’, un’area del cervello che svolge un ruolo vitale nella nostra risposta agli stimoli di stress. Il team ha scoperto che sotto l’effetto di un forte stress, i neuroni in questa regione subiscono una sorta di “sostituzione” dei neurotrasmettitori, passando dal glutammato, principale messaggero chimico eccitatorio, al GABA (acido gamma-amminobutirrico), il più potente inibitore del sistema nervoso. Questo passaggio è responsabile dell’innescarsi della paura immotivata.

Questa rivelazione non solo aiuta a comprendere meglio le basi neurali delle paure irrazionali ma apre anche la porta a nuove terapie più mirate. Gli autori dello studio hanno, infatti, identificato due possibili approcci per prevenire questo meccanismo. Il primo consiste nel “spegnere” il gene responsabile della produzione di GABA nei topi, mentre il secondo utilizza il Prozac, un noto antidepressivo, somministrato subito dopo l’esposizione a uno stressor, per impedire il cambio di neurotrasmettitori.

Una scoperta per migliorare i trattamenti

Nicholas Spitzer, co-autore della ricerca, ha sottolineato l’importanza di questa scoperta per lo sviluppo di trattamenti mirati: “Ora che conosciamo il cuore del meccanismo attraverso il quale si manifesta la paura indotta dallo stress, gli interventi possono essere più specifici.” Questi risultati non solo offrono speranza a chi soffre di PTSD ma potrebbero anche portare a nuove strategie per affrontare una vasta gamma di disturbi legati allo stress e alla paura.

La conferma che simili meccanismi si verificano anche nel cervello umano viene dall’analisi post-mortem di individui affetti da PTSD, evidenziando una corrispondenza con i risultati ottenuti negli esperimenti sui topi. Questo ponte tra la ricerca di base e le applicazioni cliniche rappresenta un passo avanti significativo nella lotta contro le paure immotivate, aprendo nuove vie per il trattamento e, forse, la prevenzione di questi disturbi che hanno un impatto profondo sulla qualità della vita di molte persone.

AUTORE

Redazione

Entra in contatto con la redazione di Close-up Engineering, scrivici all'indirizzo desk@closeupengineering.it

INFO

I contenuti di questo sito possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati, esposti, rappresentati e modificati esclusivamente riportando la fonte e l’URL

PARTNER

Kobold Studio Depositphotos

Biomed è l’area dell’Hub di CUENEWS dedicata all’ingegneria biomedica, alla medicina e alla tecnologia applicata all’essere umano con tutti gli aggiornamenti, le scoperte, le innovazioni gli eventi del settore.