fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Perché le zanzare pungono proprio me?

Tante volte ci siamo chiesti perché le zanzare pungono proprio noi e non chi ci sta a fianco. Il motivo è scientifico, dipende da cosa mangiamo, dal nostro odore e tanto altro.

Il sangue dolce? La luce accesa? La sfortuna? Nessuno di tutti questi sono i motivi per cui una zanzara decide di pungere proprio te e non chi ti sta vicino. Sarà capitato a tutti di essere in un bar, parco o semplicemente a casa e di stare seduti in compagnia di altre persone ed ecco che le zanzare decidono con cattiveria di attaccarsi al vostro corpo e pungervi lasciando indisturbati i vostri amici. Ma perché proprio noi? Secondo la scienza esistono diversi motivi per cui le zanzare scelgono accuratamente la loro preda.

Come è noto, solo le zanzare femmina mordono, in quanto ricercano nel sangue umano alcune proteine essenziali per la produzione di uova, ma, per il resto, si nutrono di nettare ed altre sostanze zuccherine come fanno i maschi. Uno dei fattori che determina la scelta dell’umano da mordere, è il gruppo sanguigno: secondo uno studio del Pest Control Technology Institute del 2004, alcune specie di zanzara, pungono le persone di gruppo sanguigno 0 il doppio delle volte rispetto a quanto pungano quelle di gruppo sanguigno A (l’83,3% delle volte rispetto al 46,5%). L’85% circa degli esseri umani, inoltre, produce una sostanza chimica che, attraverso l’odore della pelle, va a segnalare a quale gruppo sanguigno si appartiene. In ogni caso, le zanzare sono più attratte da coloro che secernano tale sostanza rispetto a chi invece non la rilascia, indipendentemente dal gruppo sanguigno.

Punture zanzare

Un altro fattore è la quantità di anidride carbonica che emettiamo: le zanzare sono attratte da questa sostanza! Gli esseri umani più vulnerabili sono coloro che emettono più anidride carbonica, in particolare le persone in sovrappeso, che hanno uno scambio anidride carbonica/ossigeno maggiore e le donne incinte che rilasciano circa il 21% in più di anidride carbonica rispetto alla media. I bambini, invece, che fanno respiri meno profondi, vengono punti meno degli adulti. Questo spiegherebbe anche perché le zanzare, di notte, le sentiamo vicino l’orecchio: in realtà, ci volano in faccia perché attratte dall’anidride carbonica emessa ma, le sentiamo vicino l’orecchio per via del suono che emettono sbattendo le ali durante il volo.

Fai tanto sport? Sei anche tu una possibile preda per le zanzare: l’acido lattico attira le zanzare e nei muscoli si forma in seguito all’attività fisica, le zanzare ne riescono a percepire l’odore e lo leggono come un invito a pranzo. Per non parlare della temperatura corporea! Più è alta, più si è appetitosi per le zanzare!

Anche l’alimentazione può influire. Basta una bottiglia di birra e si rientrerà tra i bersagli preferiti delle zanzare! La causa? Magari il fatto che assumere alcool comporti un aumento della temperatura corporea o una sudorazione maggiore.

Ma, come se non bastasse, anche l’insieme di sostanze chimiche emesse dai batteri che abitano sulla nostra pelle sono un fattore determinante la scelta predatoria delle zanzare. La composizione di tali batteri dipende da come viviamo, cosa mangiamo o beviamo e solo in minima parte da componenti genetiche. Attraggono le zanzare soprattutto le colonie batteriche che si trovano nelle vicinanze di piedi e caviglie, ecco perché mordono principalmente le estremità del nostro corpo!

Come proteggersi dalle punture delle zanzare?

La citronella è spesso associata alla lotta contro le zanzare ma, per quanto questa sostanza riesca a tenere lontani gli insetti, dipende da come viene utilizzata: candele all’olio di citronella non danno grandi risultati in quanto hanno effetto solo nelle immediate vicinanze e, se tira vento, sono praticamente inutili. Lo stesso vale per lo zampirone che è efficace solo in ambienti chiusi ma, è dannoso per l’uomo; si stima che un solo zampirone rilascia una quantità di particolato equivalente a quella di 75-137 sigarette!! Prodotti da applicare sulla pelle a base di citronella? Evaporano molto facilmente e bisognerebbe applicarli molto spesso per non perdere la protezione!

Tra i repellenti, i Centers for Disease Control and Prevention americani consigliano prodotti a base di Deet, una sostanza presente nella maggior parte dei repellenti antizanzara in commercio che protegge per 4-8 ore ed è più resistente al calore rispetto ad altri ma, sconsigliano l’applicazione direttamente sulla pelle.

L’unica possibilità che abbiamo è cercare di proteggerci nel migliore dei modi e sperare che le zanzare preferiscano chi ci sta di fianco!

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Valentina Dentatohttp://biomedcue.it
Laureata magistrale in ingegneria biomedica presso l'Università degli studi di Napoli Federico II. Appassionata di tutto ciò che riguarda il mondo biomedicale, dalle tecnologie ICT al contributo che la bioingegneria può dare alla medicina. Appassionata di sport e viaggi.