Close-up Engeneering

Pirola: ecco la nuova variante Covid che ha 40 mutazioni

Pirola è una nuova variante del virus che preoccupa la comunità scientifica. Sono in corso ricerche per determinarne l'entità di diffusione.

Close-up Engineering

PUBBLICATO IL: 30 Agosto 2023

Covid-19

Negli ultimi giorni, è emersa una nuova sottovariante del SARS-CoV-2 che sta sollevando l’allarme all’interno della comunità scientifica. Questa nuova variante presenta ben 40 mutazioni distintive, suscitando preoccupazioni riguardo alla sua capacità di eludere le difese immunitarie e favorire la comparsa di nuovi casi di infezione. Il nome con cui è stata identificata la nuova variante è BA.2.86, conosciuta anche come Pirola.

La variante Pirola

La nuova sottovariante Pirola, emersa in risposta all’allarmante comparsa della sottovariante Eris, presenta, come spiegato da Balloux, direttore dell’UCL Genetics Institute e professore di biologia computazionale all’University College di Londra, ben 30 mutazioni, che coinvolgono tutte la proteina spike. Quest’ultima, va ricordato, è responsabile dell’ingresso del virus nelle nostre cellule ed è il bersaglio degli anticorpi. La variante BA.2.86 ha origine dalla variante Omicron, ma a differenza di quest’ultima possiede 34 mutazioni in più rispetto a BA.2 e ben 36 mutazioni aggiuntive rispetto alla variante Kraken.

pirola

Secondo le analisi di Balloux, è plausibile che le numerose mutazioni di Pirola siano il risultato di un’eventuale infezione a lungo termine verificatasi oltre un anno fa in un individuo immunocompromesso, con conseguente diffusione all’interno della comunità.

Bisogna preoccuparsi della nuova variante?

Fino a questo momento, la diffusione di Pirola è stata riscontrata principalmente in Danimarca, dove i primi casi sono stati segnalati il 24 luglio. Altri individui positivi a questa variante provengono da diverse parti del mondo, inclusi Israele, Regno Unito e Stati Uniti. Attraverso l’interesse degli studiosi emerge il desiderio di comprendere la propagazione della variante e la sua distribuzione geografica. Questo aspetto è suscitato dal fatto che, fino a questo momento, non sono emersi collegamenti evidenti tra i casi registrati.

Come evidenziato dai virologi, è attualmente prematuro valutare appieno l’entità della nuova variante e le sue possibili implicazioni. Al momento, non è ancora possibile determinare se questa variante potrebbe causare forme gravi di malattia. È importante notare che Bloom offre rassicurazioni, sottolineando che la situazione attuale potrebbe essere più favorevole rispetto al 2020 e al 2021 nel caso in cui questa variante si diffondesse. Questo perché la maggioranza delle persone ha sviluppato una certa forma di immunità al virus SARS-CoV-2.

Inoltre, nel caso in cui questa diffusione dovesse coinvolgere nazioni intere, si potrebbe considerare l’opzione di aggiornare il vaccino. Tuttavia, come sottolinea Bloom, le attuali dosi di richiamo per il Covid-19 sono progettate sulla base della sequenza dei picchi di quella specifica variante. Infatti, gli imminenti vaccini autunnali sono stati sviluppati in risposta alla variante XBB.1.5 (Kraken), ma nuove informazioni indicano che potrebbero offrire una buona protezione anche contro altre varianti, inclusa EG.5 (Eris).

pirola

Le prossime valutazioni sulla variante

Attualmente, i virologi sono profondamente impegnati nell’analisi della struttura della nuova variante e nelle sue implicazioni potenziali, inclusa la prospettiva di una possibile crisi globale con un incremento delle infezioni. In parallelo, è di fondamentale importanza investigare se la variante Pirola sia in grado di sfuggire alla neutralizzazione degli anticorpi prodotti in seguito a infezioni recenti. Anche perché bisogna considerare la complessità del sistema immunitario, perciò è troppo presto per saperne qualcosa.

I virologi sono affascinati da questo aspetto, poiché il virus SARS-CoV-2 dimostra una continua capacità di mutazione. È importante notare che è prematuro trarre conclusioni affrettate, in quanto non abbiamo ancora una panoramica completa di questa sottovariante. È possibile che, così come è emersa, possa anche scomparire nel giro di poche settimane, diventando un ricordo lontano, quindi è fondamentale evitare allarmismi infondati.

AUTORE

Valentina Maria Barberio

Dottoressa in ingegneria informatico-biomedica, dottoressa magistrale in ingegneria biomedica, classe 1997. Da sempre appassionata di tutto ciò che possa semplificare la vita al prossimo, guarda alla divulgazione scientifica come uno strumento in grado di rendere chiaro ed accessibile il “futuro benessere” a tutti. Particolarmente affascinata dalle apparecchiature biomedicali che riescono a creare immagini 3D, crede che solo il dibattito e la ricerca costanti possano generare una tridimensionalità di vedute, propedeutiche ad una perpetua crescita personale e della società.

INFO

I contenuti di questo sito possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati, esposti, rappresentati e modificati esclusivamente riportando la fonte e l’URL

PARTNER

Kobold Studio Depositphotos

Biomed è l’area dell’Hub di CUENEWS dedicata all’ingegneria biomedica, alla medicina e alla tecnologia applicata all’essere umano con tutti gli aggiornamenti, le scoperte, le innovazioni gli eventi del settore.