fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Per la prima volta un paziente è stato portato in animazione sospesa

Ciò che prima poteva essere considerata solo fantascienza, adesso per la prima volta è diventata realtà. Parliamo dell’animazione sospesa, ovvero quella pratica, ipotizzata ad esempio per sostenere lunghi viaggi spaziali, che consiste nel ridurre al minimo le funzioni vitali dell’organismo. In sala operatoria, tale procedura consentirebbe di guadagnare tempo nel caso di interventi particolarmenti critici ed urgenti. Ed è proprio quello che è stato tentato presso l’University of Maryland Medical Centre di Baltimora.

L’intervento è stato eseguito come parte di un trial clinico volto a testare l’efficacia di quella che formalmente è definita Emergency preservation and resuscitation. I pazienti coinvolti nel trial sono quelli che hanno subito un arresto cardiaco in seguito ad una lesione traumatica, come una ferita d’arma da fuoco, ed hanno perso più della metà del proprio sangue. Essendo una tecnica sperimentale, viene quindi effettuata in quei casi disperati in cui non vi è altra alternativa.

Secondo quanto affermato dal Professor Samuel Tisherman, della University of Maryland School of Medicine, al magazine New Scientist, l’animazione sospesa è stata effettuata su almeno un paziente, anche se non è stato specificato quante persone siano poi sopravvissute all’intervento.

Come funziona?

Hai qualcuno che ha una ferita, è curabile, ma non hai tempo per curarla.

Queste le parole del Professor Tisherman, pronunciate durante il New York Academy of Sciences.

La situazione sopra descritta richiede pochissimi minuti per operare, con scarse probabilità di successo. Alla temperatura corporea fisiologica, le cellule hanno bisogno di un costante apporto di ossigeno e nel momeno in cui il cuore smette di battere, bastano solo pochi minuti per arrivare a gravi danni cerebrali.

La soluzione consiste allora nel rallentare bruscamente il metabolismo cellulare, così da ridurre il fabbisogno di ossigeno. Ciò viene fatto abbassando la temperatura corporea fino a 10-15 °C, sostituendo il sangue con una soluzione salina fredda. In questo modo i medici hanno a disposizione fino a 2 ore per operare il paziente, prima di riportare il corpo alla giusta temperatura e riattivare il cuore.

Una procedura simile a quella che avrebbe dovuto preservare il corpo durante il tanto famoso “trapianto di testa“, di fatto mai eseguito.

Animazione sospesa
Funzionamento dell’animazione sospesa
Credits: The Guardian

Il trial clinico è stato approvato dalla FDA (Food and Drug Administration) e non richiede il consenso del paziente dal momento che, per adesso, viene eseguita solo come ultimo tentativo in situazioni disperate.

La procedura è ancora in fase di perfezionamento e Tisherman spera di poter annunciare i risultati completi del trial entro la fine del 2020.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Jacopo Ciampellihttps://biomedicalcue.it/author/jacopo-ciampelli/
Laureato magistrale in Ingegneria Biomedica presso l'Università di Bologna, da sempre appassionato di medicina e tecnologia scrivo per BiomedicalCuE dal 2017. L'altra mia grande passione è la musica, cura dell'anima.