fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Roma: primo impianto in Europa di bronco 3D su bambino

È avvenuto presso l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, il primo intervento a livello europeo di impianto di bronco 3D interamente ricostruito su un bambino di soli 5 anni, affetto da broncomalacia.

In particolare, questa malattia rende difficoltoso respirare a causa del cedimento delle pareti dei bronchi che, comporta una riduzione dell’afflusso di ossigeno ai polmoni, ciò obbligava il bambino a utilizzare macchinari di supporto per la ventilazione non invasiva durante le ore notturne.

Nel corso dell’intervento, eseguito in circolazione extracorporea, i cardiochirurghi hanno spostato le arterie polmonari che causavano lo schiacciamento bronchiale e hanno eseguito l’impianto del dispositivo che è stato posizionato all’esterno del bronco malato ancorando il tessuto indebolito alla gabbietta 3D con delle suture.

Bronco 3D: come è fatto

Il progetto del bronco 3D nasce negli Stati Uniti, dove sono stati già effettuati ben 15 operazioni di questo tipo ma, in Europa questo intervento è stato il primo e rappresenta il futuro per la chirurgia delle vie aeree in età pediatrica.

Il modello di bronco 3D viene ricostruito su misura a partire da una serie di immagini bidimensionali, acquisite tramite TAC che ricostruiscono perfettamente l’anatomia del bambino e, successivamente si prosegue con la stampa 3D.

I materiali utilizzati sono policaprolattone e idrossiapatite, composto bio-riassorbibile che viene eliminato dall’organismo nell’arco di circa 2 anni, tale tempo è reputato sufficiente dai medici per garantire la reazione fibrosa peribronchiale che in qualche modo “sostituirà” la funzione della cartilagine rovinata: il bronco sarà così in grado di sostenersi da solo e avrà la possibilità di svilupparsi e di continuare a crescere.

L’intervento è avvenuto lo scorso 14 ottobre e, oggi, il bambino è tornato a casa in grado di respirare autonomamente.

I dispositivi 3D realizzati con materiale riassorbibile, destinati a scomparire e ad assolvere la loro funzione in maniera poco traumatica, rappresentano la nuova frontiera della chirurgia delle vie aree in età pediatrica

conclude Adriano Carotti, cardiochirurgo.

Abbiamo parlato di bioprinting anche qui:

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Margherita de Respinishttps://biomedicalcue.it
Laurea di I livello in Ingegneria Biomedica, presso l'Università di Bologna. Credo che il corpo umano sia una macchina perfetta che talvolta ha bisogno di essere riparata. Quando qualcuno mi chiede cosa fa l'ingegnere biomedico, la mia risposta è semplice: crea pezzi di ricambio per il corpo umano.