Biomed CuE » Medicina » Sclerosi multipla: il virus di Epstein-Barr può esserne la causa

Sclerosi multipla: il virus di Epstein-Barr può esserne la causa

Un nuovo studio fornisce prove convincenti della causalità tra il virus di Epstein-Barr (EBV) e la sclerosi multipla.

Categorie Diagnostica · Innovazione · Medicina

Lo studio, condotto dall’ Harvard Chan School, suggerisce che la maggior parte dei casi di sclerosi multipla potrebbe essere prevenuta interrompendo l’infezione dal virus di Epstein-Barr (EBV). Inoltre, prendere di mira l’EBV potrebbe portare alla scoperta di una cura per la sclerosi multipla.

I risultati dello studio sono stati pubblicati online su Science il 13 gennaio 2022.

La scoperta

La sclerosi multipla (SM), una malattia degenerativa che colpisce 2,8 milioni di persone in tutto il mondo e per la quale non esiste una cura definitiva, è probabilmente causata dall’infezione da virus di Epstein-Barr (EBV), secondo uno studio condotto dalla Harvard TH Chan School.

“L’ipotesi che il virus di Epstein-Barr causi la SM è stata studiata dal nostro gruppo e da altri da diversi anni, ma questo è il primo studio che fornisce prove convincenti di causalità”.

Alberto Ascherio, professore di epidemiologia e nutrizione presso la Harvard Chan School e autore senior dello studio.
Virus Epstein-Barr e sclerosi multipla

Sclerosi multipla: in cosa consiste?

La sclerosi multipla è una malattia infiammatoria cronica del sistema nervoso centrale che attacca le guaine mieliniche che proteggono i neuroni nel cervello e nel midollo spinale.

La sua causa non è nota, ma uno dei principali sospetti è il virus di Epstein-Barr, un virus dell’herpes che può causare la mononucleosi infettiva e stabilire un’infezione latente e permanente dell’ospite.

Stabilire una relazione causale tra il virus e la malattia è stato difficile perché l’EBV infetta circa il 95% degli adulti, la sclerosi multipla è una malattia relativamente rara e l’insorgenza dei sintomi della sclerosi multipla inizia circa dieci anni dopo l’infezione da EBV.

Ricercatrice al lavoro

La connessione tra virus Epstein-Barr e SM

Per determinare la connessione tra EBV e sclerosi multipla, i ricercatori hanno condotto uno studio su oltre 10 milioni di giovani adulti in servizio attivo nell’esercito americano e hanno identificato 955 soldati a cui è stata diagnosticata la SM durante il loro periodo di servizio.

Il team ha analizzato campioni di siero prelevati ogni due anni dai militari e ha determinato lo stato di EBV dei soldati al momento del primo campionamento e la relazione tra l’infezione da virus di Epstein-Barr e l’insorgenza della sclerosi multipla durante il periodo di servizio attivo.

Dopo l’infezione da EBV il rischio di contrarre la sclerosi multipla è aumentato di 32 volte

In questa coorte, il rischio di sclerosi multipla è aumentato di 32 volte dopo l’infezione da EBV ma è rimasto invariato dopo l’infezione con altri virus.

I livelli sierici della catena leggera del neurofilamento, un biomarcatore della degenerazione nervosa tipica della SM, sono aumentati solo dopo l’infezione da EBV.

I risultati non possono essere spiegati da alcun fattore di rischio noto per la sclerosi multipla e suggeriscono che l’EBV sia la principale causa di SM.

Cosa spiega il ritardo tra infezione da EBV e insorgenza della sclerosi multipla?

Ascherio afferma che il ritardo tra l’infezione da EBV e l’insorgenza della SM può essere in parte dovuto al fatto che i sintomi della malattia non vengono rilevati durante le prime fasi e in parte alla relazione in evoluzione tra EBV e il sistema immunitario dell’ospite, che viene ripetutamente stimolato ogni volta che il virus latente si riattiva.

“Attualmente non c’è modo di prevenire o curare efficacemente l’infezione da EBV, ma un vaccino contro l’EBV o il targeting del virus con farmaci antivirali specifici per EBV potrebbero in definitiva prevenire o curare la SM”.

Alberto Ascherio, professore di epidemiologia e nutrizione presso la Harvard Chan School e autore senior dello studio.

Altri ricercatori della Harvard Chan School che hanno contribuito a questo studio pioniere per la SM includono Kjetil Bjornevik, Marianna Cortese, Michael Mina e Kassandra Munger.