Close-up Engeneering

Scoperto in Texas il primo caso umano di influenza aviaria dopo contatto con bestiame infetto

Un cittadino texano ha contratto l'influenza aviaria a seguito di un contatto diretto con bovini da latte infetti, segnando il secondo caso umano negli Stati Uniti e sollevando questioni sulla sicurezza della salute pubblica.

Close-up Engineering

AUTORE: Redazione

Close-up Engineering

PUBBLICATO IL: 2 Aprile 2024

News / Patologie

In Texas, è stato registrato il primo caso umano di influenza aviaria H5N1. Questo caso, il secondo documentato negli Stati Uniti, è stato confermato dopo che un individuo è entrato in contatto con bovini da latte infetti, secondo quanto riportato dalle autorità sanitarie statali. L’interconnessione tra la salute degli animali e quella umana è un aspetto da non sottovalutare, infatti, come la pandemia da Covid-19 ci ha insegmnato, è di vitale importanza monitorare attentamente le malattie zoonotiche che possono attraversare le barriere delle specie.

Il primo caso umano di influenza aviaria in Texas

influenza aviaria texas

Il paziente texano ha manifestato come sintomo primario la congiuntivite, comunemente nota come arrossamento degli occhi. L’influenza aviaria può essere accompagnata, infatti, da una vasta gamma di sintomi negli esseri umani, che varia da febbre e tosse a diarrea e, in casi gravi, difficoltà respiratorie e convulsioni. La diagnosi tempestiva e l’isolamento dei casi sospetti sono essenziali per prevenire la trasmissione dell’infezione.

Le autorità sanitarie hanno rassicurato che il rischio per il grande pubblico rimane basso; tuttavia, coloro che hanno contatti stretti con animali sospettati di avere l’influenza aviaria A(H5N1) corrono un rischio maggiore. Ciò sottolinea l’importanza delle misure di prevenzione, come evitare il contatto diretto con animali infetti e consumare latte pastorizzato.

Un’industria già in difficoltà

Il ceppo H5N1 di influenza aviaria che ha colpito il bestiame in Texas pone ulteriori sfide per l’industria del bestiame, già provata da recenti incendi storici. L’epidemia ha sollevato preoccupazioni sulla sicurezza alimentare, anche se il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha confermato che il latte commerciale rimane sicuro per il consumo e che il latte degli animali colpiti viene smaltito senza entrare nella catena alimentare.

Mentre il caso in Texas è stato lieve e isolato, l’emergere di nuovi ceppi di influenza in specie non umane rimane un promemoria critico dell’importanza di rimanere vigili e preparati di fronte alle potenziali minacce alla salute pubblica. Le autorità sanitarie e gli esperti continuano a monitorare da vicino la situazione, ricordando al pubblico l’importanza delle pratiche di sicurezza personale e della segnalazione tempestiva di eventuali contatti con animali sospettati di essere infetti. La collaborazione tra agricoltori, lavoratori del settore sanitario e la comunità è fondamentale per mitigare la diffusione di malattie zoonotiche e garantire la sicurezza di tutti.

AUTORE

Redazione

Entra in contatto con la redazione di Close-up Engineering, scrivici all'indirizzo desk@closeupengineering.it

INFO

I contenuti di questo sito possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati, esposti, rappresentati e modificati esclusivamente riportando la fonte e l’URL

PARTNER

Kobold Studio Depositphotos

Biomed è l’area dell’Hub di CUENEWS dedicata all’ingegneria biomedica, alla medicina e alla tecnologia applicata all’essere umano con tutti gli aggiornamenti, le scoperte, le innovazioni gli eventi del settore.