Riparare tessuti colpiti da gravi ustioni, ulcere o altri tipi di lesioni cutanee, creare sostituti biologici in grado di ricostituire la cute danneggiata: è questo l’obiettivo principale dell’ingegneria tissutale, che punta al miglioramento della qualità di vita di numerose persone in tutto il mondo. Basti pensare a quanto sia fondamentale per ognuno di noi la pelle: ci separa e ci protegge dall’esterno, rappresenta un mezzo di comunicazione con tutto ciò che ci circonda.

La cute esibisce un’elevata resistenza meccanica, copre una superficie all’incirca pari a 1,5-2 cm², ha un peso dell’ordine di 10 kg, rappresenta quindi uno degli organi maggiori per peso ed estensione. Inoltre presenta una proprietà fondamentale, l’autoriparazione.

CURARE LE LESIONI CUTANEE, L’OBIETTIVO DI SkinGun™

CellMist Solution utilizza enzimi per separare gli strati di pelle e rompere i legami tra le cellule, senza danneggiare le cellule.
Credit: RenovaCare

A seguito di una lesione cutanea, che differisce in base all’estensione e alla profondità della stessa, l’organismo si “difende” attivando un processo dinamico e fisiologico che coinvolge numerosi “attori”, quali la matrice extracellulare, le cellule ematiche e parenchimali e i mediatori solubili: si tratta della riparazione tissutale, i cui effetti immediati sono l’arrossamento, la tumefazione, il dolore e l’aumento locale di temperatura.Nei casi di disastri naturali e non, le ustioni rappresentano il 20-30% delle lesioni che si manifestano ai malcapitati, il 15-20% di quelle che si rilevano in caso di operazioni belliche. Possono essere di varia natura: ustioni da calore, da elettricità, da sostanze chimiche, agenti radianti; infine presentano un diverso grado a seconda della durata dell’esposizione, del calore raggiunto e della regione interessata.

La frequenza con cui si possono verificare tali ferite, anche nel caso di banali incidenti in ambienti domestico o lavorativo, la loro diversa natura e gravità, sono stati fattori determinanti per lo sviluppo della pelle artificiale, che consiste nel far proliferare i tessuti biologici su alcuni supporti. Questa tecnica consiste nel prelevare alcune cellule del paziente, collocarle sui supporti di accrescimento e impiantare il tessuto rigenerato sul paziente. Numerose sono le tecnologie adoperate, ne parliamo qui in una rewiew.

RenovaCare, Inc. è un’azienda biotecnologica il cui focus è lo sviluppo di cellule staminali autologhe da adoperare per la rigenerazione di organi umani. La compagnia ha sviluppato SkinGun™, una pistola in grado di isolare e spruzzare le cellule staminali sulle ferite, dovute da lesioni cutanee e ustioni, accelerando in questo modo il processo di autoriparazione.

In particolare, SkinGun™ nebulizza CellMist™ Solution, una sospensione liquida contenente le cellule staminali del paziente. Differentemente dai sistemi aerosol e dalle pompe convenzionali, il dispositivo non sottopone le cellule a forti sollecitazioni meccaniche, di conseguenza si preserva l’integrità delle cellule. Per questo motivo, SkinGun™ utilizza un flusso d’aria a pressione positiva.

Questa nuova tecnologia promette buoni risultati, il metodo di applicazione potrà richiedere un minimo di 90 minuti e consentirà un recupero più immediato: i pazienti potranno lasciare l’ospedale in pochi giorni, non più settimane come accade nel caso di trattamenti di innesto epiteliale.

La potenzialità dell’applicazione è stata dimostrata da una prima fase di sperimentazione clinica del prodotto in Europa. Infine il prodotto non è disponibile per usi generali o commerciali negli Stati Uniti, poiché è richiesta un’ulteriore valutazione clinica , necessaria per l’approvazione da parte della FDA, Food and Drug Administration.

Nel 2016, RenovaCare, Inc. ha annunciato di aver emesso un brevetto negli Stati Uniti per SkinGun™; l’Ufficio Marchi e Brevetti americano, ha concesso una proroga di 30 mesi per il brevetto, concedendo all’azienda una maggiore protezione della proprietà intellettuale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here