proteine

    Giulia e Lorenzo with the presentation of their ProFax project

    Il progetto ProFax vincitore agli Xilinx Open Hardware Contest 2016

    Ricordate l’articolo sul progetto ProFax che vedeva coinvolti due studenti del Politecnico di Milano? Per chi non lo ricordasse, il progetto ProFax si poneva come obiettivo di raggiungere un miglioramento tra le prestazioni e il consumo di energia, utilizzando la nuova toolchain di Xilinx: SDAccel, mediante la board Alpha Data. 

    Lorenzo e Giulia, con il loro progetto, hanno vinto lo Xilinx Open Hardware Contest 2016, nella categoria Student FPGA.

    Giulia e Lorenzo arrivati a Dublino
    Giulia e Lorenzo arrivati a Dublino

    Giulia si è appassionata alla bioinformatica dopo aver frequentato il corso di informatica tenuto dal Prof. Marco Domenico Santambrogio, responsabile del NECSTLab del Politecnico di Milano. La curiosità l’ha spinta ad approfondire sempre di più la sua conoscenza in ambito bioinformatico, tanto da proporre la sua idea al Prof. Santambrogio, il quale ha deciso di sostenerla. La sua esperienza al NECSTLab l’ha indotta ad aggiungere esami di Ingegneria Informatica alla sua formazione di Ingegneria Biomedica.

    Lorenzo, invece, si è interessato alle architetture hardware durante il suo quarto anno, anch’egli presso il Politecnico di Milano, mentre frequentava il corso di High Performance Processor and Systems. Durante il corso ha preso parte ad un progetto riguardante l’accelerazione hardware. Ha rafforzato la sua conoscenza sul tema durante uno stage di 6 mesi nei laboratori di ricerca Xilinx (la società che ha inventato le FPGA) a Dublino, in Irlanda, sotto la guida e la supervisione della Dr. Michaela Blott. A seguito della proposta di Giulia, Lorenzo ha iniziato a collaborare con lei nella realizzazione dell’implementazione, che ha portato ad una pubblicazione in occasione della conferenza RAW.

    Lo Xilinx Open Hardware Design Contest offre agli studenti di dimostrare le loro abilità tecniche e le loro doti creative e per partecipare al concorso, è possibile utilizzare qualunque piattaforma messa a disposizione dalla Xilinx.

    Il 24 e 25 agosto i due  sono volati a Dublino, sede europea dell’azienda organizzatrice, la Xilinx, per una presentazione finale del proprio lavoro, esposizione della DEMO e premiazione.

    Giulia e Lorenzo insieme a Kevin Cooney - Corporate Vice President & Managing Director EMEA & Global Chief Information Officer at Xilinx (a sinistra guardando la foto) e Patrick Lysaght - Senior Director at Xilinx
    Giulia e Lorenzo insieme a Kevin Cooney – Corporate Vice President & Managing Director EMEA & Global Chief Information Officer at Xilinx (a sinistra guardando la foto) e Patrick Lysaght – Senior Director at Xilinx

     

    “È stato un momento di grande soddisfazione, siamo stati ripagati del grande impegno messo negli ultimi mesi in questo progetto”

    ci confidano i due vincitori

    “Sapere che il nostro lavoro è stato valutato molto positivamente da persone qualificate e che lavorano quotidianamente su queste tecnologie ci ha resi molto orgogliosi.
    I nostri ringraziamenti vanno sicuramente ai nostro advisor, Marco D. Santambrogio, ai nostri colleghi e a tutto il NECSTLab del Politecnico di Milano; la collaborazione e il sostegno anche nelle sfide sono due cose che non dovrebbero mai mancare in un ambiente di lavoro, dove la propria formazione come persone, oltre che a livello tecnico, ha un ruolo chiave.”

    Ora, i due studenti sono tornati già al lavoro per apportare miglioramenti ed ottimizzazioni e per testare possibili nuove strade; inoltre, hanno in programma di sviluppare altri progetti in ambito genomico sfruttando le tecnologie di Xilinx.

     

    Dispositivo Vitastiq

    Vitastiq: la penna che rileva i livelli delle vitamine

    Ammettiamolo, pochi di noi monitorano costantemente i livelli di vitamine e minerali del proprio organismo, ma oggi esiste una penna.

    Di recente, infatti, è stato inventato e prodotto un nuovo dispositivo alla portata di tutti: il Vitastiq, una semplice ed elegante penna che permette di rilevare istantaneamente i livelli di ben 30 vitamine e minerali presenti nell’organismo, in modo semplice e per niente invasivo, collegandosi ad una app per smartphones come interfaccia.

    Penna Vitastiq collegata ad uno smartphone
    Penna Vitastiq collegata ad uno smartphone
    vitastiq.com

    Il suo design e la sua importantissima innovazione hanno portato alla partecipazione al Central European Startup Award 2015 per il Best User Experience, una sorta di fiera dell’innovazione.

    “Come un gadget che rappresenta un legame tra modernità e tradizione, tra vecchio e nuovo, anche tra Est e Ovest, Vitastiq ha voluto tradurre questa apertura nel suo rapporto con gli utenti”

    ha spiegato Dean Vranic, amministratore delegato dell’azienda e uno degli inventori stessi del Vitastiq.

    Dean Vranic con il dispositivo Vitastiq
    Dean Vranic con il dispositivo Vitastiq
    www.youtube.com

    Il principio di funzionamento della penna è l’elettroagopuntura ( Electroacupuncture, EAV), che consiste nella applicazione di corrente elettrica a bassissimo voltaggio agli aghi di agopuntura come mezzo per stimolare gli agopunti e potenziare, quindi, l’effetto del trattamento con aghi.
    Gli apparecchi elettrici (di solito alimentati a batteria) che vengono utilizzati in questa particolare agopuntura sono dei generatori di impulsi, la cui forma, frequenza ed intensità possono essere modificati a seconda degli effetti terapeutici che l’operatore vuole ottenere.

    Electroacupuncture (EAV)

    La metodologia EAV fornisce un metodo di screening non invasivo, rapida per determinare squilibri di salute, che possono essere utili in caso di carenze subcliniche.
    E’ una metodologia diagnostica sviluppata dal medico tedesco Reinhold Voll nel 1950, il quale, nella sua ricerca, ha riscontrato che ogni punto del nostro corpo possiede una propria conducibilità elettrica.
    Proprio questi punti individuati da Roll costituiscono quelli che nell’agopuntura vengono chiamati meridiani, definiti come “condotti”, in grado cioè di unire parti diverse del corpo, come ad esempio la regione temporale della testa con la faccia esterna del piede oppure il polmone con l’estremità del pollice.
    Lo stesso Roll individuò che quando si verificavano cambiamenti nel funzionamento o nella struttura di un organo interno cambiava anche la conducibilità dei suddetti punti e che, soprattutto, poteva essere misurata.
    La nuova generazione di dispositivi EAV sono costituiti da software specializzati, anche se essenzialmente ogni dispositivo di questo genere è un misuratore di conducibilità.
    Ogni punto meridiano viene misurato tramite una sonda appuntita e può essere rilevato in diversi soggetti, indipendentemente dalla loro età, sesso, peso o etnia.

    Se l’esito della misurazione è pari a 50 (valore tempoinvariante), suggerisce la presenza di un punto meridiano energicamente sano e bilanciato. Nel caso in cui si verificasse una misurazione all’incirca di 65 implicherebbe un’irritazione mentre letture di 75 e oltre indicherebbero una vera e propria infiammazione.
    Misurazioni al di sotto del 50 significherebbero una bassa energia nel punto mediano.
    Il metodo EAV è stato documentato e dimostrato in oltre un decennio di studi ospedalieri in Germania e oggi è ampiamente utilizzato in tutta Europa da oltre 25.000 medici.

    Rilevamento semplice e veloce

    La penna Vitastiq viene quindi semplicemente appoggiata su precisi punti delle mani, dei piedi e di tutto il corpo, ognuno dei quali appunto con una conducibilità propria, così che ogni corrente elettrica permette alla penna di misurare i livelli di alcuni elementi chiave.
    Si può altresì misurare lo stato di vitamine e minerali, così come degli acidi biliari, acidi grassi, omega-6 e omega-3, glucosamina, coenzima Q10, emoglobina, la pepsina, e lo stato delle proteine.

    Rilevamento del livello di vitamina nel punto mediano situato nella mano
    Rilevamento del livello di vitamina nel punto mediano situato nella mano
    www.vitastiq.com

    Essendo collegato ad un’app per smartphones è dunque anche possibile salvare e valutare i dati, in modo tale da permettere all’utente di tener traccia dei propri miglioramenti e di imparare a scegliere correttamente i vari nutrimenti.

    Come si può evincere dalle immagini seguenti, esistono punti “prediletti” per il monitoraggio di vitamine e minerali ben precise.

    Punti mediani della mano con relativi valori da poter misurare
    Punti mediani della mano con relativi valori da poter misurare
    www.vitastiq.com
    Punti mediani del piede con relativi valori da misurare
    Punti mediani del piede con relativi valori da misurare
    www.vitastiq.com
    altri punti mediani del corpo con relativi valori da poter misurare
    altri punti mediani del corpo con relativi valori da poter misurare
    www.vitastiq.com

    Chiaramente è un dispositivo che può incuriosire, ma può anche e soprattutto svolgere un importante compito di prevenzione: spesso, infatti, la carenza di vitamine e minerali viene rilevata solo in seguito alla comparizione di sintomi.
    Con il Vitastiq è perciò possibile monitorare lo stato delle vitamine e dei minerali regolarmente, in modo da mantenere uno stile di vita adeguato e in forma.

    La stessa Dr. Vesna Goricki, agopunturista e specialista nel EAV asserisce

    Dr. Vesna Goricki
    Dr. Vesna Goricki
    www.vitastiq.com

    “Vitastiq è un dispositivo rivoluzionario per misurare il nostro apporto di vitamine e minerali. Sono stati necessari molti anni di pratica e di esperienza nell’utilizzo di apparecchiature specialistiche basate sulla EAV per rendere chiaro che il dispositivo Vitastiq e la sua app hanno il giusto potenziale per cambiare il nostro intero approccio alla salute. Vitastiq è un prodotto efficace , facile da usare, che porta il metodo EAV diritto nelle nostre mani. La mia famiglia ed io abbiamo utilizzato Vitastiq come semplice mezzo per valutare le nostre carenze vitaminiche e di minerali. I controlli regolari ci hanno permesso di modificare la nostra assunzione di cibo e, se necessario, di integrarla e stiamo già sentendo i benefici. Con lo sviluppo di Vitastiq , prestare attenzione alla nostra salute quotidiana non è mai stato così facile : preservare un sano stile di vita è letteralmente a portata di mano, finalmente!”


    Vuoi leggere i nostri articoli senza pubblicità?

    Sostieni il nostro progetto e avrai la possibilità di: