Close-up Engeneering

I vaccini antinfluenzali potrebbero proteggere dall’Alzheimer

Una nuova scoperta evidenzia come i vaccini antinfluenzali possano proteggere contro l'Alzheimer, in quanto istruiscono il sistema immunitario contro tale patologia.

Close-up Engineering

PUBBLICATO IL: 31 Ottobre 2023

Eventi / Prevenzione

I vaccini antinfluenzali non solo sembrano essere efficaci nella prevenzione delle forme gravi dell’influenza, ma potrebbero anche offrire una protezione contro lo sviluppo dell’Alzheimer. Uno studio condotto su un campione di pazienti ha evidenziato questo risultato, fornendo un’ulteriore opzione preventiva per affrontare questa patologia in crescita. Si analizza in che modo i vaccini proteggono contro l’Alzheimer.

A cosa servono i vaccini antinfluenzali?

I vaccini antinfluenzali sono fondamentali per prevenire l’infezione da virus dell’influenza e le complicanze ad essa correlate. Essi stimolano il sistema immunitario a generare una risposta specifica contro i virus influenzali, preparando l’organismo a reagire efficacemente in caso di esposizione. Ciò riduce notevolmente il rischio di contrarre l’infezione.

Sono particolarmente cruciali per gruppi ad alto rischio, come bambini, anziani, individui con condizioni mediche preesistenti e donne in gravidanza. La vaccinazione fornisce una preziosa protezione dalle gravi complicanze legate all’infezione influenzale, contribuendo a preservare la salute di queste categorie. Inoltre, la vaccinazione antinfluenzale svolge un ruolo cruciale nel limitare la diffusione del virus all’interno della comunità. Questo è vitale per la protezione delle persone più vulnerabili, che potrebbero essere maggiormente predisposte a gravi complicazioni.

vaccini proteggono alzheimer

Lo studio su come i vaccini proteggono contro l’Alzheimer

Nonostante l’efficacia dei vaccini contro le malattie infettive, una ricerca recente pubblicata sul Journal of Alzheimer’s Disease suggerisce che alcuni di essi potrebbero offrire anche una difesa contro l’Alzheimer. Il team di ricercatori dell’University of Texas Health Science Center di Houston, guidato da Paul Schulz, ha condotto uno studio su diversi vaccini, compresi quelli contro tetano, difterite, pertosse, herpes zoster e pneumococco, rilevando una correlazione con la riduzione del rischio di Alzheimer.

Attraverso un’analisi dettagliata dei vaccini somministrati agli anziani (ma non solo), compresi quelli per difterite-tetano e pertosse, lo pneumococco, lo zoster e l’influenza, i ricercatori hanno utilizzato un metodo retrospettivo che ha permesso di confrontare i gruppi vaccinati con quelli non vaccinati, tenendo conto dei fattori confondenti.

Le conclusioni sono state sorprendenti: coloro che avevano ricevuto il vaccino per difterite/tetano e pertosse hanno mostrato una riduzione del rischio del 30%, risultati simili sono stati riscontrati con il vaccino contro lo pneumococco. Nel caso del vaccino contro lo zoster, il rischio si è ridotto del 25%, e addirittura del 40% per i vaccini antinfluenzali.

In che modo il vaccino protegge dall’Alzheimer?

Il meccanismo di protezione dei vaccini contro l’Alzheimer è intrigante. Secondo quanto spiegato dal team di ricerca, una volta somministrati, i vaccini possono istruire il sistema immunitario a reagire contro i segni della demenza, sia in modo diretto che indiretto. In particolare, sono in grado di stimolare una risposta positiva del sistema immunitario contro l’accumulo di proteine tossiche che possono scatenare l’insorgenza dell’Alzheimer.

Quali sono le altre cure per l’Alzheimer

Questa nuova ricerca offre una promettente aggiunta nel combattere l’Alzheimer. Al momento, non esiste una cura definitiva per questa malattia neurodegenerativa. Esistono, tuttavia, farmaci approvati che mirano a trattare i sintomi, apportando temporanei miglioramenti alle funzioni cognitive e gestendo i comportamenti associati. È fondamentale notare che tali trattamenti non arrestano la progressione della condizione.

vaccini proteggono alzheimer

Inoltre, esistono interventi non farmacologici che comprendono una vasta gamma di approcci. Le terapie occupazionali e fisiche, ad esempio, giocano un ruolo cruciale nell’aiutare le persone affette da Alzheimer a preservare al massimo le loro capacità fisiche e cognitive, migliorando così l’autonomia nelle attività quotidiane. Ricordando inoltre che l’Alzheimer può essere molto impegnativo per le famiglie e i caregiver. L’educazione sulla malattia e l’accesso a gruppi di supporto possono aiutare le persone a comprendere meglio come gestire la situazione e a trovare le risorse necessarie.

AUTORE

Valentina Maria Barberio

Dottoressa in ingegneria informatico-biomedica, dottoressa magistrale in ingegneria biomedica, classe 1997. Da sempre appassionata di tutto ciò che possa semplificare la vita al prossimo, guarda alla divulgazione scientifica come uno strumento in grado di rendere chiaro ed accessibile il “futuro benessere” a tutti. Particolarmente affascinata dalle apparecchiature biomedicali che riescono a creare immagini 3D, crede che solo il dibattito e la ricerca costanti possano generare una tridimensionalità di vedute, propedeutiche ad una perpetua crescita personale e della società.

INFO

I contenuti di questo sito possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati, esposti, rappresentati e modificati esclusivamente riportando la fonte e l’URL

PARTNER

Kobold Studio Depositphotos

Biomed è l’area dell’Hub di CUENEWS dedicata all’ingegneria biomedica, alla medicina e alla tecnologia applicata all’essere umano con tutti gli aggiornamenti, le scoperte, le innovazioni gli eventi del settore.