Close-up Engeneering

Il virus Nipah mette in allarme l’India

Il virus Nipah si diffonde in India, a dare l'allarme le autorità che hanno adottato misure estreme per contenerne il contagio. Come fronteggiare il tutto?

Close-up Engineering

PUBBLICATO IL: 15 Settembre 2023

Eventi

Nelle ultime giornate, l’attenzione mondiale si è concentrata sull’India, dove il virus Nipah si sta diffondendo rapidamente, mettendo in stato d’allarme le autorità locali. Vengono adottate misure urgenti per contenere l’epidemia che ha causato decessi. In questa analisi, esaminiamo la natura del virus Nipah, la situazione dei contagi in India e le strategie di prevenzione per limitarne la diffusione.

Il virus Nipah: sintomi, trasmissione e trattamento

Il virus Nipah è un agente patogeno altamente contagioso che può causare gravi malattie sia negli esseri umani che negli animali. Il suo nome deriva dal villaggio di Sungai Nipah in Malaysia, dove è stato identificato per la prima volta nel 1998 durante un’epidemia di encefalite e polmonite.

I sintomi del virus Nipah includono febbre, mal di testa, stanchezza estrema, confusione mentale e disturbi neurologici. In alcuni casi, l’infezione può progredire verso un’encefalite grave, che può portare a convulsioni e coma. La trasmissione avviene attraverso il contatto stretto con secrezioni respiratorie o fluidi corporei di individui infetti.

La prevenzione si basa sulla riduzione del contatto con la principale fonte del virus, ovvero i pipistrelli infetti, e sull’isolamento delle persone infette per impedirne la diffusione. Attualmente, non esiste un vaccino specifico per il virus Nipah, il che rende questa malattia estremamente pericolosa, con tassi di letalità che possono variare, ma possono arrivare anche al 75%.

virus Nipah

La situazione in India

Il virus Nipah è stato identificato per la prima volta nel distretto di Kozhikode, Kerala, come riportato dal primo ministro locale, Pinarayi Vijayan. Il primo ministro ha sottolineato l’importanza di affrontare la situazione con cautela, sottolineando che la paura non è necessaria.Finora, più di 700 persone in Kerala sono state identificate come contatti stretti e sottoposte a test per il virus. Di queste, 77 sono considerate a rischio elevato, e purtroppo due persone hanno perso la vita a causa di questa rara e pericolosa malattia.

Le autorità di Kozhikode hanno reagito chiudendo alcune scuole nel distretto per limitare la diffusione del virus, e nel frattempo, sette villaggi sono stati designati come “zone di contenimento”.

Le precedenti epidemie

Il virus Nipah è stato identificato per la prima volta durante un’epidemia che si è verificata nel 1998-1999 in Malesia. Questa grave malattia prende il nome dal villaggio in cui si è verificato il suo primo focolaio, Kampung Sungai Nipah, in Malesia.

L’epidemia ha avuto un impatto significativo, con quasi 300 persone infettate e una tragica perdita di oltre 100 vite umane. Questo evento ha contribuito a dare notorietà al virus Nipah e ha portato a ulteriori ricerche e misure preventive per affrontare questa minaccia sanitaria.

virus Nipah

L’India ha affrontato diverse epidemie di virus Nipah nel recente passato. Nel 2018, un’epidemia mortale ha colpito il paese, causando la morte di 17 persone e scatenando il panico tra la popolazione. Durante quel periodo, ben 230 persone sono state sottoposte a test per contenere la diffusione del virus.

L’anno successivo, nel Kerala, più di 300 persone sono state messe sotto sorveglianza dopo che un uomo è stato diagnosticato con il virus. Nel 2021, lo stato ha affrontato un’altra epidemia che ha purtroppo portato alla morte di un ragazzo di 12 anni.

Come fronteggiare il virus Nipah

Al momento, non esiste alcun vaccino disponibile per prevenire l’infezione da virus Nipah. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), questa malattia rappresenta una grave minaccia epidemica che richiede con urgenza ulteriori ricerche e sviluppi per contenere la diffusione.

Nonostante sia stato condotto un tentativo di sviluppo di un vaccino un anno fa, il candidato vaccino non ha superato con successo le fasi di sperimentazione sugli animali necessarie prima di poter essere testato sugli esseri umani. Si auspica che ci saranno ulteriori progressi in futuro per affrontare efficacemente il virus Nipah.

AUTORE

Valentina Maria Barberio

Dottoressa in ingegneria informatico-biomedica, dottoressa magistrale in ingegneria biomedica, classe 1997. Da sempre appassionata di tutto ciò che possa semplificare la vita al prossimo, guarda alla divulgazione scientifica come uno strumento in grado di rendere chiaro ed accessibile il “futuro benessere” a tutti. Particolarmente affascinata dalle apparecchiature biomedicali che riescono a creare immagini 3D, crede che solo il dibattito e la ricerca costanti possano generare una tridimensionalità di vedute, propedeutiche ad una perpetua crescita personale e della società.

INFO

I contenuti di questo sito possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati, esposti, rappresentati e modificati esclusivamente riportando la fonte e l’URL

PARTNER

Kobold Studio Depositphotos

Biomed è l’area dell’Hub di CUENEWS dedicata all’ingegneria biomedica, alla medicina e alla tecnologia applicata all’essere umano con tutti gli aggiornamenti, le scoperte, le innovazioni gli eventi del settore.