Biomed CuE » Medicina » Potremmo essere molto vicini a un vaccino per l’HIV

Potremmo essere molto vicini a un vaccino per l’HIV

Il vaccino è stato in grado di colpire le cellule immunitarie desiderate e potrebbe diventare il primo stadio di una strategia vaccinale in più fasi per combattere l'HIV e varie altre malattie virali.

Categorie Medicina

Qualche mese fa, l’organizzazione International AIDS Vaccine Initiative (IAVI) e il centro di ricerca Scripps Research hanno annunciato risultati promettenti dello studio in Fase 1 di un nuovo approccio vaccinale per la prevenzione dell’HIV. Secondo le organizzazioni, il vaccino ha stimolato con successo la produzione di rare cellule immunitarie necessarie per generare anticorpi contro l’HIV nel 97% dei partecipanti allo studio di cui si parla su The Lancet ma non ancora pubblicato.

Anche se questo non significa che abbiamo un vaccino utilizzabile per l’HIV, dimostra quanto siamo estremamente vicini a svilupparne uno con seri poteri di prevenzione. E questo potrebbe avvenire grazie alla nuova tecnologia sviluppata per combattere la pandemia da COVID-19.

Innescare l’attivazione delle cellule con un vaccino

Potremmo essere molto vicini a un vaccino per l’HIV. Credits: NIAID
Micrografia elettronica a scansione di una cellula T infettata da HIV. Credits: NIAID

Il vaccino è stato sviluppato per agire come un primer immunitario, per innescare l’attivazione dei linfociti B naïve – cioè linfociti che hanno già subito il processo di maturazione del recettore ma che non hanno ancora incontrato l’antigene – tramite un processo chiamato germline-targeting, come primo stadio in una strategia vaccinale a più fasi per stimolare la produzione di molti diversi tipi di anticorpi neutralizzanti (bnAbs). Da decenni si cerca di stimolare la produzione di bnAbs contro l’HIV. Si spera che queste proteine del sangue specializzate possano attaccarsi alle proteine di superficie dell’HIV – le ben note proteine spikes – che consentono ai virus di entrare nelle cellule umane.

“Noi e altri abbiamo ipotizzato molti anni fa che per indurre bnAbs, è necessario avviare il processo innescando le cellule B giuste – cellule che hanno proprietà speciali che danno loro il potenziale per svilupparsi in cellule che secernono bnAb”, ha spiegato il dottor William Schief, professore e immunologo presso l’istituto Scripps Research e direttore esecutivo del design del vaccino presso il Neutralizing Antibody Center della IAVI, il cui laboratorio ha sviluppato il vaccino. “In questo studio, le cellule prese di mira erano solo una su un milione di tutte le cellule B naïve. Per ottenere la giusta risposta anticorpale, dobbiamo prima innescare le cellule B giuste. I dati di questo studio affermano la capacità del vaccino di fare questo”.

Uno studio fondamentale nel campo del vaccino contro l’HIV

Potremmo essere molto vicini a un vaccino per l’HIV. Credits: Scripps Research e IAVI
Immagine computerizzata della proteina immunostimolante eOD-GT8. Credits: Scripps Research e IAVI

Schief ha presentato i risultati alla conferenza virtuale della International AIDS Society HIV Research for Prevention (HIVR4P) mercoledì 3 febbraio. Nella sperimentazione di Fase 1 IAVI G001, 48 volontari adulti sani sono stati selezionati per ricevere un placebo o due dosi del composto vaccinale, eOD-GT8 60mer, insieme a un adiuvante sviluppato da GlaxoSmithKline. Uno dei principali sperimentatori del processo, la dottoressa Julie McElrath, vicepresidente senior e direttore della divisione Vaccine and Infectious Disease al Fred Hutchinson Cancer Research Center, ha affermato che il trial è stato “uno studio fondamentale nel campo del vaccino contro l’HIV”, aggiungendo di aver dimostrato “il successo nel primo passo di un percorso per indurre anticorpi neutralizzanti contro l’HIV-1. “

L’HIV colpisce più di 38 milioni di persone in tutto il mondo ed è tra i virus più difficili da colpire con un vaccino, in gran parte a causa del suo tasso di mutazione insolitamente veloce che gli consente di evolversi costantemente ed eludere il sistema immunitario. Il dottor Schief ha commentato: “Questo studio dimostra la prova di principio per un nuovo concetto di vaccino per l’HIV, un concetto che potrebbe essere applicato anche ad altri patogeni. Con i nostri numerosi collaboratori nel team di studio abbiamo dimostrato che i vaccini possono essere progettati per stimolare cellule immunitarie rare con proprietà specifiche e questa stimolazione mirata può essere molto efficiente negli esseri umani. Riteniamo che questo approccio sarà fondamentale per realizzare un vaccino contro l’HIV e forse importante per fare vaccini contro altri patogeni “. Gli scienziati ritengono che lo stesso approccio potrebbe essere applicato anche ai vaccini per altri patogeni impegnativi come l’influenza, la dengue, la Zika, l’epatite C e la malaria.

Si pensa a un vaccino a base di mRNA anche per l’HIV

Potremmo essere molto vicini a un vaccino per l’HIV. Credits: Scientific Animations
Il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) è un lentivirus che causa l’infezione da HIV e la sindrome da immunodeficienza acquisita nel tempo (AIDS). L’AIDS è una condizione negli esseri umani in cui il progressivo fallimento del sistema immunitario consente alle infezioni opportunistiche e ai tumori potenzialmente letali di prosperare. Credits: Scientific Animations

La società ha affermato che questo studio pone le basi per ulteriori studi clinici che cercheranno di perfezionare ed estendere l’approccio, con l’obiettivo a lungo termine di creare un vaccino contro l’HIV sicuro ed efficace. Come passo successivo, i membri del team stanno collaborando con la società di biotecnologie Moderna per sviluppare e testare un vaccino a base di mRNA che sfrutti l’approccio per produrre le stesse cellule immunitarie benefiche. Secondo il team, l’utilizzo della tecnologia mRNA potrebbe accelerare in modo significativo il ritmo di sviluppo del vaccino contro l’HIV, come ha fatto con i vaccini per COVID-19.

“Questo è un risultato straordinario per la scienza dei vaccini nel suo complesso”, ha affermato il dottor Dennis Burton, professore e presidente del Dipartimento di immunologia e microbiologia presso Scripps Research, direttore scientifico dello IAVI Neutralizing Antibody Center e direttore del NIH Consortium for HIV/AIDS Vaccine Development. “Questa sperimentazione clinica ha dimostrato che possiamo guidare le risposte immunitarie in modi prevedibili per creare nuovi e migliori vaccini, e non solo per l’HIV. Riteniamo che questo tipo di ingegneria dei vaccini possa essere applicato in modo più ampio, determinando una nuova era nella vaccinologia”.