Biomed CuE » (Bio)Informatica » Fortnite e Zelda come addestramento per i nuovi chirurghi

Fortnite e Zelda come addestramento per i nuovi chirurghi

Oltre a un’ovvia tregua dallo stress degli studi, gli studenti potrebbero anche trarne vantaggio per la formazione sulle abilità chirurgiche.

Categorie (Bio)Informatica · Chirurgia · Robotica

Uno studio dell’Università di Toronto, pubblicato sulla rivista Surgery, afferma che gli aspiranti chirurghi che giocano ai videogiochi hanno migliori abilità manuali rispetto ai non giocatori. Infatti, secondo il gruppo di ricerca, le abilità necessarie per giocare sono le stesse che servono per manovrare i robot chirurgici. “Non sto scherzando quando dico che giochi come Fortnite hanno il potenziale per migliorare quei movimenti necessari, fornendo componenti motivazionali più forti e in un ambiente a bassa posta in gioco”, ha affermato Arnav Gupta.

I videogiochi come formazione aggiuntiva

Arnav Gupta, primo autore dell’articolo, è uno studente del terzo anno alla facoltà di medicina all’Università di Ottawa. Il carico di studio a cui è sottoposto è molto pesante e, per rilassarsi, nel tempo libero gioca a “The Legend of Zelda”, serie di videogiochi sviluppata da Nintendo che ha visto il capitolo “The Legend of Zelda: Breath of the Wild” rilasciato nel 2017 eletto a gioco dell’anno ai Game Awards 2017. È stato lo stesso Gupta, insieme a un team di ricercatori dell’Università di Toronto, a pensare che giochi come Zelda e Fortnite potrebbero aiutare gli studenti di medicina a migliorare la loro formazione chirurgica.

Fortnite e Zelda come addestramento per i nuovi chirurghi
A sinistra: Fortnite. A destra: The Legend of Zelda

“Data la disponibilità limitata di simulatori e l’elevata accessibilità dei videogiochi, gli studenti di medicina interessati alle specialità chirurgiche dovrebbero sapere che i videogiochi possono essere una preziosa formazione aggiuntiva per migliorare la loro formazione medica, soprattutto nelle specialità chirurgiche”, afferma Gupta, i cui risultati sono stati sostenuti da una revisione sistematica di 16 studi che hanno coinvolto 575 partecipanti.

“In particolare, nella chirurgia robotica, essere un videogiocatore è associato a miglioramenti nel tempo di completamento (misura di prestazione utilizzata nei problemi di sequenziamento), economia di movimento e prestazioni complessive. Nella chirurgia laparoscopica, la formazione basata sui videogiochi è stata associata al miglioramento della durata di determinate attività, all’economia del movimento, alla precisione e alle prestazioni complessive”, spiega Gupta, che è un giocatore dall’età di 8 anni.

Non solo Fortnite e Zelda

Questo studio si basa su ricerche precedenti ed è il primo a concentrarsi su una specifica popolazione di studenti di medicina, nei quali questo metodo di formazione potrebbe essere attuato in modo rigoroso. Lo studio ha rilevato che, oltre a Fortnite e Zelda, alcuni dei giochi più utili per gli studenti di chirurgia robotica e laparoscopia sono: Super Monkey Ball, Half Life, Rocket League e Underground. Underground è un puzzle game sviluppato da Grendel Games per Nintendo Wii U, appositamente progettato per assistere gli studenti di medicina con la formazione delle loro capacità motorie in chirurgia robotica e laparoscopia.

Fortnite e Zelda come addestramento per i nuovi chirurghi. Credits: University of Ottawa
Arnav Gupta. Credits: University of Ottawa

“Anche se i videogiochi non possono mai sostituire il valore dell’esperienza reale, hanno un certo valore come strumento aggiuntivo, soprattutto quando si tenta di replicare movimenti importanti per la chirurgia.  Ad esempio, i giochi sparatutto in prima persona richiedono di tradurre i movimenti tridimensionali su uno schermo bidimensionale, che è come il concetto di chirurgia laparoscopica“, afferma Gupta, i cui studi si concentrano sulla chirurgia in oftalmologia, che rende giochi come Resident Evil 4 o Trauma Center: New Blood adatti alle sue ambizioni.

Videogiochi: intrattenimento e apprendimento

I reports mostrano che il 55% degli studenti universitari è composto da giocatori, i quali godono delle competenze date dalle console. Tuttavia, molti studenti di medicina non ammettono di possederne e utilizzarne una. “Penso che ci sia sicuramente una certa ambivalenza nei confronti dei videogiochi”, dice Gupta. “Dato quanto i giochi sono diventati accessibili e come sta avanzando la tecnologia, i videogiochi sono sicuramente di facile accesso per gli studenti che li amano. La speranza è che forse questo studio possa ispirare qualcuno a trarre vantaggio dalle capacità uniche che possono derivare dall’utilizzo dei videogiochi, ridurre l’ambivalenza generale nei loro confronti e sviluppare alcuni modi divertenti per consentire agli studenti di impegnarsi con l’addestramento chirurgico”.