Salutiamo questo 2019 rinnovando la tradizione avviata lo scorso anno, ovvero con una rassegna dei 5 articoli più letti.

5. Arresto cardiaco: come riconoscerlo? Ci pensano Alexa e Google Home!

Smart speaker arresto cardiaco
Google Home Mini (a sinistra) e Amazon Echo Dot (a destra). PH: Tom’s Guide

Iniziamo con l’interessante ed ambizioso progetto portato avanti dai ricercatori dell’Università di Washington. Con il crescere del mercato degli smart speaker, si cerca il modo per sfruttarne al meglio le numerose potenzialità, anche in ambito medico. Perché allora non sviluppare un algoritmo che possa riconoscere il respiro agonico, un sintomo dell’arresto cardiaco? I risultati ottenuti dai test sono decisamente promettenti: l’algoritmo è stato in grado di riconoscere il respiro agonico con un tasso di falsi positivi dello 0,2% in 164 ore.

4. Negli Stati Uniti il primo impianto per assorbire il carico sul ginocchio

Negli Stati Uniti il primo impianto per assorbire il carico sul ginocchio
The Calypso Knee System, sviluppato da Moximed, Inc.

Si sa, prevenire è meglio che curare. Ideato per evitare, o per lo meno ritardare il più possibile, interventi sostitutivi al ginocchio, questa sorta di ammortizzatore permette di alleggerire il carico sull’articolazione rallentando il progredire dell’osteoartrite. Il dispositivo è già stato impiantato su un paziente ed è in corso il trial clinico per valutarne l’effettiva efficacia.

3. Nuova cura per il diabete grazie alla neurostimolazione del pancreas

PH:everydayhealth.com

Arriviamo al gradino più basso del podio con EMPATIC (EModulation of PAncreaTic Islet Cells), un progetto di ricerca che vede impegnati ricercatori provenienti dalla New York University, Universität Zürich, CNR, con la coordinazione di ENEA, ente pubblico di ricerca italiano che opera nei settori dell’energia, dell’ambiente e delle nuove tecnologie. L’obiettivo è quello di monitorare e stimolare la produzione di insulina nei pazienti affetti da diabete di tipo 2. Il tutto è basato su interfacce neurali per la neurostimolazione del pancreas.

2. Emma Marrone e tumore all’ovaio: parlano gli esperti

emma marrone tumore cancro ovaio
Emma Marrone Credits: timgate.it

A settembre il terribile annuncio del ritorno del male che l’aveva già colpita in passato, ovvero il tumore alle ovaie. In tali circostanze avevamo parlato di fattori di rischio, prevenzioni e trattamenti. Dopo l’operazione, avvenuta lo stesso mese, adesso sembra, fortunatamente, che tutto vada per il meglio.

1. Nadia Toffa morta per un cancro al cervello: cosa dicono gli oncologi?

Nadia Toffa Credits: dilei.it

Concludiamo con quella che purtroppo è stata una delle peggiori notizie del 2019. Il 13 agosto ci lasciava Nadia Toffa, nota conduttrice de Le Iene, a causa di un tumore al cervello. Anche in questo caso abbiamo approfondito gli aspetti di questa terribile malattia sperando che i progressi nella ricerca possano evitare tali tragiche conseguenze in futuro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here