fbpx

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

WAND: l’impianto cerebrale finanziato dalla fondazione di Zuckerberg

“Ridurre la frequenza e la gravità di tutte le malattie a livello globale”: questo è uno degli ambiziosi obiettivi della Chan Zuckerberg Initiative (CZI), la fondazione creata da Mark Zuckerberg insieme alla moglie Priscilla Chan. Un progetto da 5 miliardi di dollari dal quale è nata la Chan Zuckerberg Biohub, un’organizzazione no profit che vede coinvolti ricercatori provenienti dalla Stanford University, UC Berkeley e UC San Francisco.

Proprio di questa organizzazione fa parte Rikky Muller, ricercatrice presso l’UC Berkeley e co-autrice dello studio che ha portato alla realizzazione di WAND, un dispositivo che potrebbe trovare numerose applicazioni in campo medico, tra cui trattamenti mirati per epilessia e morbo di Parkinson.

Una ricerca che ha visto la collaborazione della UC Berkeley con la start up privata Cortera, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Biomedical Engineering.

Una sorta di pacemaker per il cervello

Dispositivo WAND
Il dispositivo WAND
Credits: UC Berkeley – Rikky Muller

WAND, acronimo di Wireless Artifact-free Neuromodulation Device, è un neurostimolatore dotato di ben 128 elettrodi che può, allo stesso tempo, sia monitorare l’attività elettrica delle diverse aree del cervello sia rilasciare impulsi di corrente. Il suo funzionamento è quindi simile a quello di un pacemaker cardiaco: offrendo un monitoraggio continuo, interviene solo quando rileva un’irregolarità. Per questo motivo, potrebbe trovare un’importante applicazione nel prevenire tremori o attacchi epilettici in pazienti affetti da disordini neurologici.

Il processo per trovare la giusta terapia per un paziente è estremamente costoso e può richiedere anni. Una significativa riduzione dei costi e della durata, di questo processo, può potenzialmente portare a risultati e accessibilità notevolmente migliori. Vogliamo consentire al dispositivo di capire qual è il modo migliore per stimolare un dato paziente e dare i migliori risultati. E puoi farlo solo ascoltando e registrando i segnali neurali.

Afferma Rikky Muller.

Questo dispositivo, infatti, oltre ad essere wireless, è anche autonomo. Ciò significa che “impara” da solo a riconoscere i segnali che precedono l’inizio, ad esempio, dei tremori. In quello che viene quindi a rappresentare un sistema a circuito chiuso, i parametri di stimolazione vengono regolati in tempo reale in base alle caretteristiche del singolo paziente.

La possibilità di monitorare e stimolare in contemporanea è offerta dallo speciale design dei cirtuiti integrati realizzati dalla start up Cortera. Questi riescono a distinguere, nel segnale rilevato, ciò che proviene dalla stimolazione rispetto ai segnali cerebrali. In questo modo è possibile capire esattamente cosa sta succedendo nel momento in cui viene somministrata la terapia.

I primi test

Per verificarne il funzionamento, il sistema è stato utilizzato per riconoscere e ritardare i movimenti del braccio in esemplari di macaco rhesus. In particolare, i primati sono stati dapprima addestrati a muovere un cursore su uno schermo, attraverso un joystick, verso un bersaglio indicato. Dopo una fase di calibrazione del sistema, il dispositivo WAND è riuscito a riconoscere i segnali cerebrali che si presentavano quando i macachi si apprestavano a compiere il movimento e a rilasciare una stimolazione in quel preciso momento, così da ritardarlo.

Mentre è già stata dimostrata la possibilità di ritardare i tempi di reazione, questa è, per quanto ne sappiamo, la prima volta che è stata dimostrata in un sistema a circuito chiuso basato solo su una registrazione neurologica.

Dichiara Rikky Muller.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Jacopo Ciampellihttps://biomedicalcue.it/author/jacopo-ciampelli/
Laureato magistrale in Ingegneria Biomedica presso l'Università di Bologna, da sempre appassionato di medicina e tecnologia scrivo per BiomedicalCuE dal 2017. L'altra mia grande passione è la musica, cura dell'anima.