Close-up Engeneering

Miocardite: studio pone i virus come responsabili diretti

Un nuovo studio rivela che i virus danneggiano il cuore e portano alla miocardite prima della comparsa dell'infiammazione. Questa scoperta potrebbe cambiare il modo in cui si gestiscono le complicanze cardiache correlate alle infezioni virali.

Close-up Engineering

PUBBLICATO IL: 24 Marzo 2024

Innovazione / News

Gli ultimi studi sulla miocardite stanno portando a sviluppi significativi in merito alle cause riguardanti questa patologia. Contrariamente alle concezioni tradizionali, recentemente si è rivelato che il virus stesso può danneggiare direttamente le cellule cardiache prima che si manifesti l’infiammazione. Questo potrebbe rappresentare una svolta significativa nel trattamento della miocardite. L’infezione virale, che comprende virus comuni come l’adenovirus, l’epatite B e C e il parvovirus, è stata associata fino al 42% delle morti cardiache improvvise nei giovani adulti.

Cos’è la miocardite e possibili cause

La miocardite è un’infiammazione del miocardio, il tessuto muscolare del cuore. Questa condizione può essere causata da diversi fattori, tra cui: infezioni virali, batteriche o parassitarie. Inoltre, alcune malattie autoimmuni, reazioni allergiche a farmaci e problemi cardiaci non infettivi possono contribuire allo sviluppo della miocardite. L’infiammazione associata a questa patologia può indebolire il muscolo cardiaco e influire sulla sua capacità di pompare sangue in modo efficiente. Nei casi più gravi, la miocardite può portare a insufficienza cardiaca, aritmie o danni permanenti al cuore.

Cos'è la miocardite - Credits: University of California
Cos’è la miocardite – Credits: University of California

Sintomatologia e diagnosi della patologia

I sintomi della miocardite possono variare, ma comunemente includono: dolore toracico, affaticamento, difficoltà respiratoria e palpitazioni. Il trattamento dipende dalla causa sottostante e può includere farmaci per gestire l’infiammazione, supporto cardiaco e, in alcuni casi, trapianto di cuore. La diagnosi precoce e il trattamento tempestivo sono cruciali per gestire la miocardite e prevenire complicazioni gravi.

Cause e sintomi della miocardite
Cause e sintomi della miocardite – Credits: University of California

Trattamenti attuali

Il trattamento può variare in base alla gravità dei sintomi e alla causa scatenante. Alcuni delle terapie attuali includono:

  1. Riposo e limitazione dell’attività fisica: ridurre l’attività fisica è spesso raccomandato per alleviare lo stress sul cuore e consentirne la guarigione.
  2. Farmaci anti-infiammatori: l’uso di farmaci come i FANS o corticosteroidi può essere prescritto per ridurre l’infiammazione nel cuore.
  3. Farmaci immunomodulatori: in alcuni casi, vengono utilizzati questi farmaci che influenzano il sistema immunitario per controllare l’infiammazione.
  4. Farmaci di supporto cardiaco: se c’è un’insufficienza cardiaca, possono essere prescritti farmaci come ACE inibitori, beta-bloccanti o diuretici per migliorare la funzione cardiaca e ridurre il carico di lavoro del cuore.
  5. Trattamenti per le complicanze: se si verificano aritmie o altri problemi cardiaci possono essere necessari trattamenti specifici, come l’impianto di un pacemaker.
  6. Trattamento delle cause: se la miocardite è causata da un’infezione virale, il trattamento può coinvolgere antivirali; se è di origine autoimmune, possono essere prescritti farmaci immunosoppressori.
  7. Monitoraggio continuo: la gestione della miocardite richiede spesso il monitoraggio costante dei sintomi e della funzione cardiaca per apportare eventuali aggiustamenti al piano terapeutico.

È fondamentale che il trattamento venga personalizzato in base alla situazione specifica di ciascun paziente e che venga gestito da un team medico specializzato. La diagnosi precoce e la gestione attenta sono essenziali per ottimizzare i risultati.

Il nuovo studio sulla miocardite

La causa della patologia, tradizionalmente, veniva attribuita all’infiammazione come risultato della risposta immunitaria del corpo al virus che può portare a aritmie cardiache. Si è rilevato durante lo studio che vi è uno stadio acuto in cui il virus infetta il cuore prima che l’infiammazione si sviluppi. Questo significa che il cuore è predisposto all’aritmia ancor prima che l’infiammazione abbia luogo.

Tessuto muscolare cardiaco infiammato

Dettagli sulla ricerca effettuata

L’utilizzo di un modello murino dell’adenovirus ha permesso ai ricercatori di studiare gli effetti del virus sul cuore umano. In fasi iniziali dell’infezione, è emerso che il virus interferisce con componenti critiche dei sistemi elettrici e di comunicazione cardiaci, specificamente canali ionici e giunzioni gap. I canali ionici svolgono un ruolo chiave nel mantenere l’equilibrio di ioni come sodio, potassio e calcio nelle membrane cellulari, fondamentali per l’attività elettrica normale del cuore. Allo stesso tempo, le giunzioni gap facilitano il trasferimento di corrente tra le cellule cardiache. L’interruzione di questi processi può portare a contrazioni irregolari del muscolo cardiaco compromettendo la sua capacità di pompaggio.

miocardite
Nuovo studio sulla miocardite – Credits: Circulation Research

Considerazioni dei ricercatori

Inoltre, i ricercatori hanno evidenziato che i cuori infetti mostrano alterazioni elettrofisiologiche pericolose a livello molecolare. Ciò indica che l’infezione adenovirale può innescare modifiche subcellulari patologiche prima dell’insorgenza della miocardite infiammatoria. Tali alterazioni sono note per generare aritmie e portare alla morte cardiaca improvvisa nei pazienti gravemente infetti.

Conclusioni e prospettive future

Il prossimo passo della ricerca sarà l’identificazione dei biomarcatori che possano segnalare un aumento del rischio di aritmia in seguito a un’infezione virale. La possibilità di utilizzare un semplice esame del sangue per individuare i pazienti a rischio rappresenta un promettente sviluppo nella diagnosi precoce. Questo al fine di una gestione tempestiva delle complicanze cardiache correlate alle infezioni virali.

AUTORE

Maddalena Ranzato

Sono una studentessa magistrale di Ingegneria Clinica presso l'Università degli Studi di Trieste. Nel 2021 mi sono laureata in ingegneria biomedica. La mia passione per la scrittura nasce già alle superiori con lo studio delle materie umanistiche al liceo classico. Sono appassionata da tutto ciò che è legato al mondo della medicina e dell'ingegneria, soprattutto la rigenerazione dei tessuti e la creazione di organi artificiali. Attualmente lavoro nell'ambito dell'ingegneria clinica ospedaliera.

INFO

I contenuti di questo sito possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati, esposti, rappresentati e modificati esclusivamente riportando la fonte e l’URL

PARTNER

Kobold Studio Depositphotos

Biomed è l’area dell’Hub di CUENEWS dedicata all’ingegneria biomedica, alla medicina e alla tecnologia applicata all’essere umano con tutti gli aggiornamenti, le scoperte, le innovazioni gli eventi del settore.